Celia sulle critiche per le presunte dimissioni fake: “Era insopportabile restare nell’assise più indagata d’Italia”

Il capogruppo del Pd in Consiglio comunale: “Sono di nuovo pronto a dimettermi per tornare alle urne. Non temo nessun confronto”
celia

“Mi spiace constatare come ieri, in un articolo in cui gli esponenti dell’opposizione in Comune attaccavano il collega e caro amico Antonello Talerico, sia stato tirato in ballo del tutto a sproposito il sottoscritto. Criticato per le presunte dimissioni farlocche, annunciate e poi mai date. Ma, procedendo con ordine prima di arrivare al nocciolo della specifica questione, mi corre l’obbligo di fare alcune doverose precisazioni. Innanzitutto che è buffo assistere a rappresentanti politici i quali si esprimono con tanta saccenza e paternalismo sebbene siano ancora evidentemente mossi dal livore per aver perso le Amministrative del 2022, pur dopo aver dato vita al classico morzello catanzarese in chiave elettoralistica. Uno schieramento che definirei del ‘tutti insieme appassionatamente’ con l’unico collante dell’interesse personale e particolare a scapito di quello pubblico e collettivo”. Così il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Fabio Celia.

“Gli stessi che ora si permettono il lusso di parlare di coerenza, come nulla fosse. – continua Celia – È quindi fin troppo facile dire: Da che pulpito viene la predica. Vale a dire in massima parte da chi, giova ricordarlo, siede tra i banchi di Palazzo De Nobili, avendo militato un po’ a destra e un po’ a sinistra a seconda delle convenienze da circa 15-20 anni a questa parte. Magari avendo contribuito in modo significativo, direttamente o indirettamente, alla decadenza della città. Chi, insomma, ha ottenuto migliaia di voti, facendo campagna elettorale con agganci nella stessa casa comunale e in virtù del clientelismo praticato, anche e soprattutto, grazie all’espletamento di servizi nella maggior parte dei casi di ordinaria amministrazione e al contrario semplicemente dovuti ai cittadini. Mi riferisco, ad esempio, alla cura del verde pubblico; al rifacimento delle strisce pedonali; all’illuminazione in alcuni quartieri periferici e così via. Ecco dunque che appare insopportabile vedersi rimbrottare da questa sorta di compagnia di giro.”

“Un confronto che non temo”

“Che oltretutto finge di ignorare, e qui vengo all’argomento fondamentale per quanto mi riguarda, come io già a fine 2019, ovvero nella precedente consiliatura, maturai la decisione di dimettermi a cui diedi seguito pochissimo tempo dopo, all’inizio quasi da solo e contro tutti. Ma io trovavo insopportabile restare nell’assise più indagata d’Italia, da cui appunto mi defilai con grande coerenza a differenza di tutti quelli che decisero di mantenere ben salda la poltrona. Ed è il motivo per cui oggi sono di nuovo prontissimo, se dovesse venir meno il presupposto del patto elettorale sottoscritto con Catanzaro, a dimettermi per tornare alle urne, sottoponendomi a un confronto che non temo di certo diversamente da altri”, conclude.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
l'inviato
La burocrazia da 14 anni blocca il progetto gratuito di ampliamento. Una società da tempo ha messo su un piatto d’argento 3 milioni di euro per i lavori
Il provvedimento del sequestro penale è stato assunto dalla capitaneria di porto di Soverato dopo i controlli effettuati
Tra gli altri interventi in fase di avvio, anche il ripristino della pavimentazione in corrispondenza di viadotti e sottopassi, pulizia delle cunette, taglio erba e ripristino della segnaletica orizzontale
I prodotti, nonostante il tentativo di renderli molto simili agli originali, si sono in realtà rivelati delle imitazioni di noti brand
Adesso rischiano una multa fino a 50mila euro. I granchi, nei bagagli insieme ad altro pesce, sono sopravvissuti a un viaggio di dieci ore
Il Comandante ha dialogato con i presenti e illustrato, anche mediante esempi concreti, le principali modalità utilizzate dai truffatori
L'incendio è scoppiato nel pomeriggio di ieri in un appartamento al quarto piano dell'edificio che contava 15 piani e 137 appartamenti
Le temperature rientreranno nelle medie del periodo con un crollo di 10 gradi, allerta della Protezione Civile in 9 regioni d'Italia
L'Intervista
L’azione sempre più incisiva della prefettura per impedire ai clan di infiltrarsi nel tessuto economico. Boom di interdittive antimafia: 18 nell’ultimo anno
Il rogo in contrada Scordovillo ha interessato cataste di rifiuti di vario genere (materiale plastico, gomme, carcasse di elettrodomestici, bottiglie di gpl etc.)
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved