Calabria7

Cellulari in carcere a Catanzaro: “Agenti penitenziari stanchi e demotivati”

(ndl) “Basta! È impensabile che un manipolo costituito da un paio di unità di polizia possa far fronte alle inefficienze di un intero sistema!” Questo il severo monito del segretario regionale del Sinappe Roberto Magro in merito al recente ritrovamento nell’istituto di Siano di due telefoni, uno micro ed uno smartphone.

MAGRO – Sinappe

“Ormai la tecnologia ha fatto passi da gigante :  se prima un cellulare era un oggetto tutto sommato voluminoso e difficile da occultare (basti pensare ai device degli anni 90) oggigiorno ve ne sono alcuni che sono praticamente delle dimensioni di una normale sim! Ordunque è letteralmente impossibile riuscire ad individuare per tempo tali appari. Sarebbe opportuno, pertanto, schermare le strutture penitenziarie per risolvere ab origine ogni possibile problema magari utilizzando dei disturbatori di frequenza”.

Altro aspetto che il segretario Sinappe pone in evidenza è quello delle conseguenze di un gesto come quello di introdurre un cellulare in un istituto di pena” invero nonostante l’importanza che gli operatori attribuiscano ad un simile accadimento di converso non vi è la stessa attenzione da parte dell’ordinamento a livello sanzionatorio.

Infatti la norma applicabile in casi del genere è l’art 650 cp che prevede l’inosservanza all’ordine legalmente dato dall’autorità. Già va fatto notare che trattasi di fattispecie contravvenzionale e quindi reato meno grave rispetto ai cd delitti, inoltre tale norma presuppone, per l’integrazione della fattispecie criminale, che vi sia un ordine legalmente dato: in altre parole è necessario che sia stato emanato un ordine di servizio relativamente al divieto di introdurre telefoni cellulari nella struttura penitenziaria.

Sarebbe pertanto auspicabile, de iure condendo, che venga emanata una apposita norma per il contrasto a quel tipo di accadimenti che minano alla base la sicurezza interna dell’istituto con un adeguato impianto sanzionatorio.”

In merito al ritrovamento prosegue “ un plauso va comunque fatto agli uomini e donne della Polizia Penitenziaria che con estrema professionalità e spirito di abnegazione, pur in una situazione di penuria di mezzi e unità, riescono a effettuare brillanti operazioni come quella effettuata dalle unità del carcere  di Catanzaro e che ha permesso di ritrovare un oggetto non consentito.”

Almeno pur con tutte le difficoltà del momento il personale è sempre pronto a dimostrare la propria stoffa” così conclude Magro.

ELIA – Fns Cisl

Piu sintetica ma sulla medesima lunghezza d’onda Emanuela Elia, coordinatore nazionale della FNS CISL
“Ho appreso da un collega che ormai non si può garantire più il minimo di sicurezza all’interno degli istituti penitenziari – ha dichiarato a Calabria7 –  questo è un fenomeno che sta prendendo il sopravvento, in quanto i controlli che si dovrebbero effettuare quotidianamente a causa della carenza di personale, si effettuano a campione.  Il personale è stanco e demotivato: serve formazione e soprattutto vicinanza di chi governa, non a parole ma a fatti. Oggi mi sento di esprimere con grande rammarico che la situazione sta degenerando e servono interventi forti e risolutivi.”

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

L’Unical al Techshare Day di Torino

Mirko

Positiva al Covid e sola in casa: anziana aiutata a Catanzaro da vicini e Tv

manfredi

Concerto Dylan in Calabria, Pegna: ‘Ecco i costi e dove si farà’

nico de luca
Click to Hide Advanced Floating Content