Cenone, Cosenza al top per i rincari: aumento del 17,4% rispetto al 2021

È quanto emerge dalla mappa dei rincari delle feste tracciata dal Codacons, rielaborando gli ultimi dati definitivi dell'Istat sull'inflazione
cenone

In un clima di rincari di prezzi e tariffe che si abbatteranno sulle prossime festività, è Cosenza la città italiana dove pranzi e cenoni subiranno i rincari più pesanti. Mentre due città toscane, Grosseto e Livorno, guidano la classifica dei maggiori rincari per le bevande alcoliche.

È quanto emerge dalla mappa dei rincari delle feste tracciata dal Codacons, rielaborando gli ultimi dati definitivi dell’Istat sull’inflazione. Secondo l’ANSA, L’indagine dei consumatori per capire quali saranno le città italiane che risentiranno maggiormente degli aumenti dei prezzi al dettaglio, per quanto riguarda le voci tipiche delle feste di fine anno (alimentari, bevande alcoliche, abbigliamento e ristoranti) mette quindi Cosenza in testa alla classifica delle città con i maggiori aumenti alimentari a Natale: nella città calabrese i prezzi dei prodotti alimentari aumentano del 17,4% rispetto allo scorso anno; in seconda posizione si colloca Olbia (+16,6%), seguita da Catania (+16,4%), Grosseto (+16,2%), Viterbo, Macerata e Pistoia (+16,1%), Imperia (+16%).

È quanto emerge dalla mappa dei rincari delle feste tracciata dal Codacons, rielaborando gli ultimi dati definitivi dell’Istat sull’inflazione. Secondo l’ANSA, L’indagine dei consumatori per capire quali saranno le città italiane che risentiranno maggiormente degli aumenti dei prezzi al dettaglio, per quanto riguarda le voci tipiche delle feste di fine anno (alimentari, bevande alcoliche, abbigliamento e ristoranti) mette quindi Cosenza in testa alla classifica delle città con i maggiori aumenti alimentari a Natale: nella città calabrese i prezzi dei prodotti alimentari aumentano del 17,4% rispetto allo scorso anno; in seconda posizione si colloca Olbia (+16,6%), seguita da Catania (+16,4%), Grosseto (+16,2%), Viterbo, Macerata e Pistoia (+16,1%), Imperia (+16%).

I brindisi più cari, invece, si faranno in Toscana: la classifica dei rincari per le bevande alcoliche (vini, spumanti, liquori, ecc.) è guidata infatti da Grosseto e Livorno (+10,2%) seguite da Modena (+9,9%) e Avellino (+9,8%).

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Due le assoluzioni invocate dai pm della distrettuale antimafia al termine della requisitoria. Prossima udienza il 17 maggio
A trovarlo sanguinante davanti alla porta di casa è stato il fratello. Sul posto i carabinieri e i sanitari del 118 di Vibo
Il boss di Cosa Nostra arrestato lo scorso mese di gennaio utilizzava su Facebook il profilo di Francesco Averna
Con il mese di maggio dedicato alla Madre Celeste si rinnova l’amore per la Serva di Dio. Previsti diversi incontri di preghiera
Sono stati 225 i piloti protagonisti, provenienti da 26 diverse nazioni per un evento sportivo internazionale
Ancora una volta i giudici della Suprema corte accolgono il ricorso degli avvocati di Benito Tavella e inviano gli atti al Tribunale del Riesame
L'attività è risultata carente sotto numerosi aspetti riguardanti la salute e la sicurezza dei lavoratori
il post
E' fondamentale rispettare i principi del fair play costituzionale, gli avversari, la libertà di stampa, i migranti e tutti i valori democratici
Il cantautore Peppe Voltarelli ritorna in concerto in Belgio per presentare il suo nuovo disco “La grande corsa verso Lupionòpolis”
È quanto rivela un'analisi realizzata da AutoScout24 ed Egaf edizioni con il supporto delle associazioni di autoscuole Confarca e Unasca
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved