Cgil, Cisl e Uil: “Il lavoro è prioritario, serve un piano straordinario”

cgil cisl uil

Cgil, Cisl e Uil, “unitariamente, ed in piena e condivisa visione confederale con Nidil Cgil, Felsa Cisl e UilTemp regionali” rilanciano il lavoro come priorità del Paese e della Calabria.

“In tutti gli incontri, anche recenti, – scrivono in un documento – con i diversi Assessorati è stata ribadita la necessità, non più procastinabile, di un piano straordinario per il lavoro. E’ nel Piano per il Lavoro – si afferma nel documento – che devono trovare allocazione gli interventi di politiche attive, la costruzione di percorsi di perfezionamento delle competenze curricolari, le azioni di formazione finalizzate alla riqualificazione, gli incentivi occupazionali e di ricollocamento, e le procedure di contrattualizzazione e di stabilizzazione dei diversi bacini di precariato, percorsi diversificati in funzione della natura e della tipologia di derivazione normativa. Il piano per il lavoro – scrivono – deve essere incardinato nei lavori della commissione regionale tripartita, che per natura e composizione, può ricercare convergenze e sintesi fra istituzioni, organizzazioni sindacali e associazioni datoriali che tra pubblico e privato sono protagonisti delle dinamiche sociali, economiche, produttive e di sviluppo, e la finalità deve essere quella della creazione di lavoro vero, duraturo e che abbia carattere contrattuale. Valorizzando e salvaguardando il confronto ed i tavoli dipartimentali ed interdipartimentali rispetto alle singole vertenze ed alle rispettive specificità categoriali. Nella consapevolezza che il lavoro non si crea per decreto o per legge, ma convinti – continuano i sindacati – che nella contrattazione e nel confronto istituzionale possono, a condizione che venga superata la pratica della parcellizzazione disorganica della spesa, ricercando opzioni ed opportunità di rilancio e crescita di sviluppo ed occupazione, a partire dal settore privato dove vanno concentrati percorsi incentivazione del lavoro a tempo indeterminato, al fine di evitare il riproporsi di fenomeni di reiterazione di precariato al termine degli interventi incentivanti”

“In tutti gli incontri, anche recenti, – scrivono in un documento – con i diversi Assessorati è stata ribadita la necessità, non più procastinabile, di un piano straordinario per il lavoro. E’ nel Piano per il Lavoro – si afferma nel documento – che devono trovare allocazione gli interventi di politiche attive, la costruzione di percorsi di perfezionamento delle competenze curricolari, le azioni di formazione finalizzate alla riqualificazione, gli incentivi occupazionali e di ricollocamento, e le procedure di contrattualizzazione e di stabilizzazione dei diversi bacini di precariato, percorsi diversificati in funzione della natura e della tipologia di derivazione normativa. Il piano per il lavoro – scrivono – deve essere incardinato nei lavori della commissione regionale tripartita, che per natura e composizione, può ricercare convergenze e sintesi fra istituzioni, organizzazioni sindacali e associazioni datoriali che tra pubblico e privato sono protagonisti delle dinamiche sociali, economiche, produttive e di sviluppo, e la finalità deve essere quella della creazione di lavoro vero, duraturo e che abbia carattere contrattuale. Valorizzando e salvaguardando il confronto ed i tavoli dipartimentali ed interdipartimentali rispetto alle singole vertenze ed alle rispettive specificità categoriali. Nella consapevolezza che il lavoro non si crea per decreto o per legge, ma convinti – continuano i sindacati – che nella contrattazione e nel confronto istituzionale possono, a condizione che venga superata la pratica della parcellizzazione disorganica della spesa, ricercando opzioni ed opportunità di rilancio e crescita di sviluppo ed occupazione, a partire dal settore privato dove vanno concentrati percorsi incentivazione del lavoro a tempo indeterminato, al fine di evitare il riproporsi di fenomeni di reiterazione di precariato al termine degli interventi incentivanti”

“Gli interventi che invece hanno esclusivo carattere di sostegno al reddito, finora indirizzati ai soggetti ai margini del mercato del lavoro, debbono – si legge – avere carattere di inclusione sociale attraverso strumenti di contrasto alla povertà cosi come previsto dall’accordo istituzionale a suo tempo firmato con la Regione, ed il Piano contro la Povertà diventa quindi indispensabile per affrontare una questione. Occorre chiarezza rispetto alle finalità degli interventi di sostegno al reddito ed alle conseguenti azioni di sistema, che non possono e non devono essere presentate o percepite come situazioni che partendo dal carattere di inclusione sociale si trasformino in aspettative, destinate ad essere disattese. Politiche per il lavoro, formazione e riqualificazione devono essere tenute distinte dalle azioni e dagli interventi derivanti da strumenti di contrasto alla povertà”. 

A parere dei sindacati, “l’impossibilità a reiterare alcuni strumenti finora messi in campo, per effetto di disposizioni nazionali derivanti anche dalla Conferenza Stato Regioni e recepita dalla Regione Calabria con specifiche delibere, non deve significare l’abbandono di migliaia di soggetti che finora ne hanno beneficiato, e che devono vedere nel piano contro la povertà una risposta al bisogno di sostegno reddituale”. Per i sindacati, “bisogna evitare l’insorgenza di pericolose e vacue illusioni, ma vanno intraprese, sulla base di assunzioni collettive di responsabilità azioni volte alla coesione sociale, per affrontare e superare una situazione di stasi del mercato del lavoro, che deve vedere nel pieno esercizio della legalità  buone pratiche amministrative nella pubblica amministrazione, nel confronto democratico e nella contrattazione, una nuova fase che sia di speranza e di prospettiva per il popolo calabrese”.

redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Depositata la richiesta firmata dal gruppo consiliare del Pd e dai capigruppo del Movimento Cinquestelle e del Misto
Il format, con la presenza di alcuni protagonisti della salute, della sanità e dello sport, prevede  due panel dal 24 al 29 maggio
Il ricordo dell'ufficiale dei carabinieri, tra i pochi di cui il giudice si fidava: "In macchina avrei potuto esserci anche io se non fossi tornato prima in Sicilia"
E' accusato di tentata estorsione: avrebbe anche rovesciato una bottiglia di benzina sulla madre minacciandola di darle fuoco
Era stata presentata dalla Direzione distrettuale antimafia. Non si ripartirà da zero: dichiarati efficaci tutti gli atti compiuti finora
Attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, il profilo criminale emerso nelle operazioni “Il Padrino” e “Gotha”
rinascita scott
La Corte d'assise di Catanzaro ricostruisce uno dei più efferati fatti di sangue commessi nel Vibonese dalla 'ndrangheta. Decisiva anche un'intercettazione
LA SENTENZA
La Corte di appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado nei confronti dell'imputato accusato di maltrattamenti e lesioni
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved