Chiede “Scusa Mamma” attraverso un pezzo rap, la storia di un detenuto del minorile di Catanzaro

"Ora sarò migliore", promette Davide, in arte Davo, alla madre. "Mi vergognavo troppo del dolore che le avevo fatto provare"

“Non ero mai riuscito a chiedere scusa a mia madre per i reati commessi; non al momento dell’arresto, non al processo e nemmeno ai colloqui in IPM. Non so perché non riuscissi a dirlo. Mi vergognavo troppo del dolore che le avevo fatto provare… o forse una parte di me, sapendo che mia mamma mi avrebbe perdonato, pensava di non meritarlo. Il rap mi ha reso libero“.
Queste le parole di Davide, uno dei ragazzi detenuti all’interno dell’Istituto Penitenziario Minorile Paternostro di Catanzaro, che ha avuto l’occasione di spogliarsi di un peso tanto intimo quanto importante grazie alla musica.

“Ora sarò migliore”

“Ora sarò migliore”

Scusa Mamma è un brano che Davide, in arte Davo, ha scritto con il supporto degli educatori e di altri ragazzi e ragazze durante i laboratori di rap del Presidio Culturale Permanente, un progetto di CCO – Crisi Come Opportunità. In Calabria, i due incontri settimanali con i ragazzi sono condotti da Christian Zuin, Nancy Cassalia e Giuseppe Fazzari, e coordinati da Francesco Carlo, conosciuto come Kento, famoso rapper italiano, formatore senior dei laboratori rap negli IPM di CCO. 
“Ora sarò migliore” è la promessa di Davo alla madre. Un perfetto esempio dell’importanza dell’avere una valvola di sfogo, per chi si trova in situazioni di difficoltà: un’arma positiva, la musica, che CCO e le istituzioni con cui collabora utilizzano per offrire nuove opportunità ai giovani che pensano di non averne più.

Il valore terapeutico della musica

Sono 516 i minori e i giovani adulti detenuti negli istituti penitenziari italiani all’inizio del 2024, il dato più alto registrato negli ultimi 10 anni. Per CCO – Crisi Come Opportunità, è vitale fornire ai ragazzi e alle ragazze in custodia della giustizia degli stimoli concreti per affrontare quello che vivono in serenità e vedere il futuro pieno di opportunità. 
“La musica – spiega Lucariello, rapper, formatore e socio di CCO  ha una grande capacità di sublimazione e quindi un valore terapeutico. Nel momento in cui una cosa viene raccontata è come guardarla dall’esterno: si riesce a giudicarla e capirla. Quando le emozioni e le esperienze più forti e negative rimangono inespresse, diventano bombe a orologeria destinate a esplodere“.
Secondo Kento, “La musica è un’arma estremamente positiva, che CCO e le istituzioni con cui collabora utilizzano per offrire opportunità nuove a ragazze e ragazzi che pensano di non averne più”. Questo lo scopo profondo di CCO – Crisi Come Opportunità: ridare speranza a chi è inciampato, ricostruendosi e ritrovandosi ogni giorno, passo dopo passo. Nell’IPM di Catanzaro il Presidio Culturale Permanente è sostenuto da Fondazione San Zeno, Fondazione Alta Mane Italia e Fondazione Con il Sud. 
Scusa Mamma è stato prodotto da Krizoo. Ascoltalo qui: https://www.youtube.com/watch?v=rhtIgihiIQQ

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved