Calabria7

Ciclone giudiziario in due comuni del Catanzarese, indagini chiuse (NOMI)

 di Gabriella Passariello- A circa un mese da quando i carabinieri della sezione di Polizia giudiziaria della Procura di Catanzaro, diretti dal maggiore Gerardo Lardieri hanno notificato 4 provvedimenti cautelari, uno dei quali agli arresti domiciliari, un altro al divieto di dimora e due misure interdittive, il sostituto procuratore della Repubblica Veronica Calcagno ha chiuso l’inchiesta “Urbi et Orbi”, che ha svelato un sistema clientelare, dove la cosa pubblica viene piegata agli interessi personali, diventando merce di scambio. Un sistema dove gli appalti sarebbero stati affidati agli amici, in base ad accordi raggiunti via telefono e alle utilità che ne potevano derivare, incarichi aggiudicati per ottenere visite mediche gratuite o il posto assicurato in azienda per sistemare il figlio.

 Nomi e ruoli di tutti gli indagati

Tredici in tutto gli indagati tra amministratori e tecnici comunali, professionisti e imprenditori, sotto inchiesta a vario titolo per falsità materiale e falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, abuso di ufficio, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, turbata libertà degli incanti, peculato, per fatti commessi in un arco temporale che va dal 2017 fino al 2019. Oltre al responsabile tecnico dell’Ufficio comunale di Palermiti, Olivadi e anche Centrache e Borgia (a secondo del periodo storico) Ubaldo Valentino, 59 anni, residente a Davoli destinatario di una misura cautelare agli arresti domiciliari, al sindaco Nicola Malta, 34 anni, di Catanzaro, ma residente ad Olivadi nei confronti del quale è stato disposto il divieto di dimora nel Comune di Olivadi, all’architetto Francesca Carito, 54 anni, residente a Stalettì, raggiunta da un’interdittiva che prevede la sospensione dall’esercizio della professione per nove mesi e all’imprenditore Fabrizio Vito Paparazzo, 47 anni, residente ad Olivadi, sospeso dell’esercizio di attività professionali e imprenditoriali per la durata di 12 mesi, compaiono altri nove nomi non raggiunti da alcuna misura cautelare. Si tratta di Pietro Marchione, 43 anni, di Lamezia Terme, legale rappresentante della ditta Ecosan srl;  Antonio Notaro, 57 anni, di Palermiti, titolare dell’omonima ditta e nipote di Domenico Notaro, già sindaco di Palermiti; Pasquale Emanuele, 51 anni, di Palermiti, addetto all’Ufficio tecnico comunale; Rosario Gerardo Scalzo, 53 anni, di Palermiti, tecnico-geometra; Fernando Sinopoli, 41 anni, residente e primo cittadino di Centrache; Davide Lamanna, 47 anni, di Catanzaro, dipendente di Esi Sud srl; Rocco Onofrio Ranieri, 49 anni, residente e vice sindaco di Centrache; Giuseppe Valentino, 21 anni, residente a Palermiti figlio di Ubaldo Valentino e Antonella Conte, 49 anni residente a Palermiti, moglie di Ubaldo Valentino.

“Carte false” per gli amici

Per investigatori e inquirenti è Ubaldo Valentino il “dominus”, che risponde di ben 14 ipotesi di accusa. E’ lui che avrebbe affidato gli incarichi direttamente, senza un regolare bando di gara, falsificando atti per favorire gli amici, “inventando” di aver tenuto conto di altri preventivi prima di affidare quel determinato mandato al privilegiato di turno. E sarebbe stato sempre lui  ad archiviare un procedimento amministrativo avviato per accertare un abuso di ufficio, avvantaggiando persone dalle quali aveva a sua volta ricevuto molteplici incarichi, favori elargiti sempre e comunque per ricevere un proprio tornaconto personale.

LEGGI ANCHE Ciclone in due Comuni del Catanzarese, appalti pilotati e carte false per l’amica architetto

LEGGI ANCHE Incarichi affidati per aiutare moglie e figlio. Il sistema clientelare ad Olivadi e Palermiti

LEGGI ANCHE Ciclone su due Comuni del Catanzarese, 4 misure cautelari. C’è il sindaco di Olivadi (VIDEO)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Redditi parlamentari calabresi: Misiti domina, alla Barbuto il primato “rosa”

manfredi

Sfalci d’erba nei cimiteri di Catanzaro, l’ATI precisa

nico de luca

Sulla spiaggia di Porto Cesareo con il suv, multa da 2700 euro per una famiglia calabrese

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content