Calabria7

Cimitero degli “orrori” di Tropea, spunta un “pentito” nell’indagine della Procura di Vibo

Spunta un “pentito” nell’indagine della Procura di Vibo guidata da Camillo Falvo sulle salme profanate al cimitero di Tropea che ha portato all’arresto di tre persone. Secondo quanto scrive nell’edizione odierna la Gazzetta del Sud, uno degli indagati avrebbe iniziato a collaborare con gli inquirenti offrendo nuovi spunti investigativi. Nelle scorse ore la Guardia di Finanza è tornata in Municipio per acquisire nuova documentazione. Il blitz ha scosso la perla del Tirrino e sta registrando contraccolpi anche sul piano politico. Sono infatti due i consiglieri comunali che hanno deciso di rassegnare le dimissioni. Dopo Virginia Saturno, nelle ultime ore ha gettato la spugna anche Massimo Cono Pietropaolo. Tra i motivi anche “il danno di immagine” che la vicenda avrebbe arrecato al comune di Tropea, capitale del Turismo calabrese.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Emettevano fatture false, tre denunce nel Cosentino

Matteo Brancati

Da Davoli a Catanzaro senza autocertificazione, arrestato pregiudicato

Matteo Brancati

Disposta l’autopsia sul pentito vicino agli Alvaro trovato morto a Biella

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content