Cinquefrondi, artista Sirelli incontrerà studenti per nuova performance

I colori, la pace, le torri, la rigenerazione di una vecchia chiesetta sconsacrata a due passi da un parco giochi: Massimo Sirelli per Cinquefrondi.

“Cinquetorri di pace”, le ha volute chiamare l’artista catanzarese che venerdì 24 maggio incontrerà le scuole della cittadina del Reggino e, nel pomeriggio, inizierà la sua performance, un murale site specific in multicolor pensato per dare nuova vita a un’antica struttura ecclesiastica inutilizzata da decenni.

“Cinquetorri di pace”, le ha volute chiamare l’artista catanzarese che venerdì 24 maggio incontrerà le scuole della cittadina del Reggino e, nel pomeriggio, inizierà la sua performance, un murale site specific in multicolor pensato per dare nuova vita a un’antica struttura ecclesiastica inutilizzata da decenni.

“La struttura sul quale verrà realizzato l’intervento, tutta bianca e con una cupola al centro, ha i tratti di una costruzione greca come se ne vedono tante nelle isolette dell’Egeo, ma che sembra pure un po’ fuori contesto rispetto al centro abitato”, ha detto Sirelli, invitato a riqualificare la chiesa dal sindaco Michele Conia con il coordinamento dell’associazione “Mammalucco” di Taurianova, presieduta da Filippo Andreacchio, e in collaborazione con l’azienda “Linvea”.

“L’idea è quella di trasformare l’edificio in una vera e propria opere  d’arte, un richiamo per i turisti che lanci un messaggio di pace e  racconti, in chiave pop, ma in un modo comunque non convenzionale, la  storia di questo centro urbano”, ha aggiunto l’artista, rimasto  affascinato da una delle diverse interpretazioni etimologiche  all’origine del nome Cinquefrondi.

“Le cinque torri che proteggevano il primo insediamento abitativo della  zona mi hanno dato l’ispirazione”.L’altra fonte di ispirazione è invece più legata al contesto –  piemontese – nel quale Sirelli, originario di Sellia Marina, vive e  lavora da tempo, e dove ricopre la carica di Docente presso lo IED di

“Nelle Langhe esiste una piccola cappela sconsacrata dipinta in colorful, diventata un’attrazione turistica in senso pieno”, ha  continuato. Non solo colori, ma anche grandi sagome per realizzare le cinque lettere
che formano la parola “PEACE”, ognuna delle quali stilizzate per ricordare le cinque torri. “La pace è ancora oggi, insieme all’integrazione e all’accoglienza, uno dei più importanti principi alla base delle nostre comunità”, ha concluso Sirelli, “bisogna parlarne,  condividerlo, diffonderlo, ma anche difenderlo da chi, purtroppo,  ritiene che pace, integrazione e accoglienza siano aspetti scontati da un lato, da limitare dall’altro.

Le torri di pace di Cinquefrondi significano speranza e umanità, e penso  sia bello che la Calabria dia nuova forza a questo messaggio”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved