Calabria7

Circolo Almirante FdI: “Centro Covid? Lungimirante la proposta di Wanda Ferro”

Giovanni Donzelli

“Realizzare un centro di eccellenza in Calabria, dove trattare esclusivamente i pazienti affetti da malattie infettive, inserendo figure professionali di alto livello per migliorare le cure dei pazienti Covid, rappresenterebbe una crescita importante per l’intera sanità calabrese”.

A sostenerlo, il circolo “Almirante” di Fratelli d’Italia, che sottolinea la lungimiranza della proposta della deputata Wanda Ferro “per quanto riguarda la realizzazione di un centro dedicato esclusivamente alla cura delle malattie infettive, in considerazione della paventata seconda ondata dell’epidemia, a seguito della cosiddetta fase 2”. L’onorevole Ferro ha condiviso la proposta del rettore dell’Università Magna Graecia di Catanzaro Giovambattista De Sarro, che ha individuato come potenziale centro Covid la struttura dell’ex Villa Bianca del capoluogo, previo adeguamento agli standard di sicurezza Covid. In alternativa, Wanda Ferro, su indicazione del Rettore, propone di valutare l’ipotesi della realizzazione di un nuovo ospedale dedicato alle malattie infettive nell’area del campus universitario.

Cio’ consentirebbe – proseguono dal circolo Almirante della Marina di Catanzaro – ai due presidi ospedalieri di Catanzaro di proseguire le loro normali attività, e quindi al Pugliese di continuare l’attività assistenziale e al Policlinico universitario quella di ricerca, formazione e assistenziale.

La proposta della deputata di Fdi Wanda Ferro, è stataa immediatamente condivisa da alcuni esponenti istituzionali e dai sindaci di 74 comuni calabresi, che invieranno un documento al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri, chiedendo la realizzazione dell’ospedale Covid in Calabria. La coordinatrice regionale del partito di Giorgia Meloni non si ferma qui, trovando il modo infatti di esaminare un altro aspetto di non minore importanza, quello finanziario, segnalando la possibilità di attuare procedure burocratiche semplificate e di utilizzare “le risorse appena stanziate dal parlamento europeo, nello specifico si tratta di oltre 3 miliardi di euro complessivi di aiuti per il sostegno agli stati membri nel contrasto alla pandemia, con cui potranno essere finanziati anche la realizzazione di ospedali da campo temporanei e semipermanenti, e la riconversione delle strutture esistenti.”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, le precisazioni della Regione Calabria sullo stop della diffusione dei dati

Matteo Brancati

Terremoti, forte scossa avvertita da Cosenza a Catanzaro

manfredi

Emergenza Coronavirus, la Calabria resta in zona arancione. La mappa del Paese

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content