Città calabrese sperimenta un’app per tracciare i bambini che usano lo scuolabus

Consentirà ai genitori di sapere se e quando i propri figli  salgono sul pulmino e se e quando ne scendono, sia all’andata che al rientro da scuola
Con l’obiettivo di attivare procedure di tutela per gli alunni che utilizzano lo scuolabus, è partito questa mattina un nuovo sistema di monitoraggio di tutti i giovanissimi utenti del servizio. “Abbiamo ritenuto importante accrescere il controllo e la protezione degli alunni che utilizzano lo scuolabus, offrendo, contemporaneamente, maggiore sicurezza ai genitori – afferma l’assessore alla digitalizzazione ed all’urbanistica, Pina Incarnato –  Per cui l’ing. Tommaso Filice del settore informatico del Comune, che ringrazio per l’abnegazione con cui presta la propria professionalità all’Ente,  ha ideato un sistema innovativo, ma anche molto semplice da utilizzare, che consentirà ai genitori di sapere se e quando i propri figli  salgono sul pulmino e se e quando ne scendono, sia all’andata che al rientro da scuola”.

Come funziona l’app

Come funziona l’app

“A tal fine, le famiglie che hanno richiesto il servizio di scuolabus riceveranno una mail con un QR code da stampare o scaricare che gli alunni dovranno mostrare al personale di bordo dello scuolabus, anche quest’ultimo dotato di un App android per scansionare il suddetto QR code. E’ una piccola goccia di innovazione, lo sappiamo bene – conclude l’assessore Incarnato – inserito in un oceano di servizi digitali da cui Cosenza negli anni non è stata neanche lambita. Il nostro impegno, però, è massimo per colmare i ritardi ed avviare un sistema di digitalizzazione serio ed efficace”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Le attrazioni sono già confermate fino all'anno prossimo. Si parte con Davide Enia e Toni Servillo e la chiusura sarà affidata a Roberto Saviano
Nuova iniziativa della Regione è volta a potenziare il servizio di incrocio domanda-offerta presso i Centri per l’impiego, con il coinvolgimento delle associazioni datoriali
“Nessuna disposizione per questi lavoratori che prestano servizio con un contratto di 18 ore e per 18 mesi nei comparti Giustizia, Mim, Mic”
Il sindaco di Cosenza: “Rivedere posizioni antiche che hanno arrecato gravi danni alle nostre realtà, anche sull’affidamento dei lavori alle imprese”
Il presidente della Repubblica ha telefonato al ministro Piantedosi: “Assicurare sicurezza tutelando, al contempo, la libertà di manifestare"
Nemmeno i soccorritori hanno potuto fare nulla per aiutare. Un uomo di 40 anni e un altro di 55 sono rimasti intossicati dal fumo
Non è la prima minaccia a don Felice Palamara. La celebrazione è stata interrotta e il fatto è stato denunciato ai carabinieri
Il racconto da brividi dell’assassinio “motivato”, secondo il killer, da una lite scaturita dalla scoperta di un tradimento
Gli assessori Princi e Gallo: “Gli obiettivi sono quelli di educare ad una sana alimentazione e di valorizzare i nostri prodotti"
Secondo il magistrato, la ‘ndrangheta ha assunto ingegneri informatici tedeschi per fare riciclaggio sofisticato, ma le autorità investigative faticano a tener loro testa
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved