Cittadino nigeriano rimpatriato dopo scarcerazione

arresti reggio

L’Ufficio Immigrazione della Questura di Reggio Calabria ha espulso un cittadino nigeriano di 30 anni.

Il provvedimento è arrivato dopo che lo stesso ha espiato una condanna in carcere per violenza privata aggravata, lesioni personali aggravate e danneggiamento aggravato. 

Il provvedimento è arrivato dopo che lo stesso ha espiato una condanna in carcere per violenza privata aggravata, lesioni personali aggravate e danneggiamento aggravato. 

Nell’aprile 2018, a Monasterace, l’uomo, insieme ad altri complici, aveva sfondato a calci la porta in vetro dell’abitazione di un connazionale, successivamente aggredito con bottiglie di vetro, mazze in legno e uno sgabello.

Il 30enne, così, in attesa del nulla osta dell’Autorità Giudiziaria per l’espulsione e il conseguente rimpatrio in Nigeria, e’ stato accompagnato presso il Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Bari Palese.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Si tratta di un uomo e una donna del posto, finiti rispettivamente in carcere e agli arresti domiciliari
Si tratterebbe della scossa più forte degli ultimi 25 anni
Le eccellenze del gruppo si distinguono ottenendo ben sei premi dell'ambito riconoscimento Ampolla d'Oro 2024
Il decesso, praticamente, è avvenuto sul colpo. Spetterà ai carabinieri fare luce sull'accaduto. Sul posto i sanitari del 118 e l'elisoccorso
Il presidente della Regione ha incontrato i segretari generali regionali di Cgil, Cisl e Uil Angelo Sposato, Tonino Russo e Santo Biondo
L'uomo è stato indagato dalla Dda di Catanzaro e oggi imputato dinnanzi al tribunale lametino per la partecipazione al clan Bagalà
L'impatto è stato molto violento e il piccolo ha riportato un trauma cranico e alle gambe
"Se la mia casa la dovessi cedere per un ospedale oncologico per i bambini la cederei - ha detto Mariolina De Francesco - ma non per una cosa inutile come questa"
Le emissioni inquinanti della flotta in circolazione sono impressionati. Descrivono un settore in ginocchio nonostante i fondi, mai sufficienti secondo gli imprenditori del settore, che la Regione mette a disposizione
Accanto al cadavere anche la borsa con i documenti. Sarà l'autopsia a chiarire le cause della morte
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved