Calabria7

“Cognome ingombrante”, il Cosenza calcio sospende il giovane attaccante Santapaola

santapaola

Non sarebbe gradito a causa del suo cognome. E’ la vicenda che riguarda un giovane 18enne, raccontata dall’avvocato siciliano Salvatore Silvestro, che annuncia di aver già interessato la giustizia civile e sportiva. Al centro della storia c’è Pietro Santapaola, pronipote di un noto boss del catanese. Anche il padre sarebbe legato ad ambienti criminali. Pietro a gennaio è stato acquistato dal Cosenza Calcio, come attaccante. Ma adesso sarebbe stato allontanato senza spiegazioni. Il suo legale, per questo, parla di “cognome ingombrante”: sarebbe questa la sola colpa del giovane. Che per la vicenda ora vive un periodo di forte sconforto, visto che si ritiene trattato ingiustamente.
Il Cosenza Calcio lo ha rilevato a gennaio dal Messina, inserendolo nella sua formazione Primavera. Ma in questi ultimi giorni è stato avvisato da un dirigente della società della decisione del club di volerlo sospendere. Alle sue richieste di chiarimenti non sarebbe arrivata nessuna risposta. Una denuncia, dice il legale, è stata già presentata ai carabinieri, alla Procura di Cosenza, alla Figc, alla Procura federale e alla Lega di serie B. La società sportiva del Cosenza Calcio per il momento non ha rilasciato alcuna dichiarazione sull’accaduto.

© Riproduzione riservata.
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content