Calabria7

COISP Reggio, in fermento poliziotti del XII Reparto Mobile

PoliziaRC

Il XII Reparto Mobile della Polizia di Reggio è in fermento.

Nonostante vari comunicati sindacali di sollecito e nei mesi scorsi ripetute richieste esplicite di incontro effettuate anche tramite Posta Certificata, il primo dirigente dott. Antonio De Pascale evita di confrontarsi con il Coisp, il Coordinamento per l’Indipendenza Sindacale delle Forze di Polizia.

L’organizzazione diretta dal segretario provinciale Emilio Musacchio denuncia pertanto a mezzo stampa le varie problematica interne di cui soffrono gli oltre 300 poliziotti che prestano servizio nel Reparto PS della Città metropolitana dello stretto.

LA DENUNCIA

Si tratta di delicate questioni – afferma Musacchio – che afferiscono soprattutto la sicurezza e l’incolumità dei colleghi in servizio presso il XII Reparto Mobile di Reggio Calabria, che verosimilmente, non vengono considerate sufficientemente degne di attenzione, in un contesto di autoreferenzialità, che impedisce  al COISP, Sindacato di Polizia, di poter svolgere, al meglio, il proprio ruolo di verifica e controllo. Un ruolo sancito dalla legge (121/81) ma che probabilmente il Dirigente non intende rispettare.

Diverse le lettere di denuncia inviate al Superiore Ministero – continua il Segretario Provinciale –  per segnalare il sistematico  disagio vissuto dagli operatori di Polizia presso il XII Reparto Mobile di Reggio Calabria che riguardano inerenti la trasparenza e l’equità nella gestione delle risorse umane ed economiche, il cd. “coefficiente d’impiego.

Ma ciò che ci porta oggi a denunciare pubblicamente il siffatto sistema, rientra nella fattispecie per la quale questa O.S., non ha mai inteso soprassedere, è cioè la sicurezza e l’incolumità degli operatori di Polizia.

La sicurezza dei tanti uomini del Reparto Mobile di Reggio Calabria, che quotidianamente sono chiamati a garantire con professionalità, l’ordine e la sicurezza pubblica su tanti scenari operativi, dal fenomeno dell’immigrazione, agli eventi sportivi, alle manifestazioni pubbliche, ecc.ecc..

Ma per poter assicurare l’Ordine e la Sicurezza Pubblica dei cittadini, diviene irrinunciabile  la sicurezza degli operatori stessi, con mezzi di trasporto efficienti ed adeguati, sia per la sicurezza dei colleghi, che per l’immagine di una Amministrazione efficiente.

CASI LIMITE

Non si può accettare che il mezzo di trasporto di Polizia DAILY si perda il portellone laterale durante il servizio (vedi foto); o resti, ad ogni pié sospinto, in panne nel bel mezzo delle manifestazioni; o peggio ancora, non ci sia un limite di chilometraggio o di orario di guida, per i conducenti dei mezzi pesanti, che portano sulle proprie spalle, la responsabilità di 10 padri di famiglia, in giro per tutta la penisola, per centinaia e migliaia di chilometri.

Infine-  conclude Musacchio – la disattenzione della Direzione raggiunge la sua massima espressione, quando consente il trasporto promiscuo dei colleghi, con i relativi bagagli personali e valigie contenenti il materiale da Ordine Pubblico (vedi foto) all’interno dell’abitacolo del furgone antisommossa “DAILY”, dove una qualsiasi brusca frenata potrebbe provocare lesioni di grave entità ai colleghi trasportati.”

Un episodio questo, accaduto di recente, quando per una avaria ad un veicolo, gli operatori di Polizia si sono dovuti sorbire un viaggio di rientro di centinaia di chilometri, stipati alla meno peggio. Tutto ciò mentre l’ufficio Motorizzazione PS rimane privo di Funzionario Responsabile.

Ci auguriamo pertanto – conclude il segretario provinciale del COISP reggino Emilio Musacchio – che l’egregio primo dirigente possa e voglia incontrarci per discutere e risolvere queste ed altre problematiche nel supremo interesse della incolumità dei poliziotti e dei valori che essi rappresentano a vantaggio dello Stato e dei suoi cittadini.”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Riforma del welfare: “Chi tira le fila?”

manfredi

Crosia: contest artistico “Vicini col cuore”, iniziativa sociale ai tempi del Corona virus

Antonella Gatto

Lucano, Forza Nuova: è nemico d’Italia, impediremo lezione Roma

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content