Calabria7

Coldiretti, lavori di messa in sicurezza dell’argine del fiume Crati

“Quando si riscontra quasi  un senso di ingiustizia, dovuto a lentezze burocratiche e anche a disattenzione, a prevalere è sia la disperazione ma anche la paura ed l’insicurezza allora le persone sono costrette a mettere in atto forme di proteste”. Così il presidente della Coldiretti Calabria Franco Aceto, commenta il blocco, attuato da stamattina, del bivio della SS 106 da parte dei cittadini delle frazioni di Thurio e Ministalla nel territorio di Corigliano – Rossano che oltre un anno fa, era il 27 novembre 2018, a causa di un evento alluvionale che fece esondare il fiume Crati, provocò ingenti danni a famiglie e aziende agricole.

Danni e paura anche a rischio di vite umane che si sarebbero potuti evitare se la Regione avesse provveduto già in via preventiva, come più volte segnalato, al consolidamento dell’argine del fiume. Oggi, certo, dopo anche la “grande paura” dei giorni scorsi non è giusto continuare  a vivere nell’incubo che si possa ripetere l’esondazione. Occorre immediatamente fare partire i lavori e gli interventi di messa in sicurezza dell’argine del fiume Crati e del suo affluente il torrente Mazzolito – chiede Aceto alla Regione – perché si è ancora nel pieno del rischio idraulico e idrogeologico e la stagione invernale può portare spiacevoli conseguenze a causa di eventi climatici anche estremi. Occorre con urgenza – conclude Aceto – rimuovere subito gli ostacoli che stanno ritardando l’avvio dei lavori.   Per quanto poi riguarda il risarcimento danni alle aziende colpite   anche in questo caso occorre fare chiarezza”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Trovato con marjuana e hashish, arrestato un giovane a Cosenza

Damiana Riverso

Covid in Calabria, crescita incontrollata (+136). Occhi puntati su Reggino e Cosentino

Giovanni Bevacqua

Coldiretti, clementine IGP Calabria: si rischia sfruttamento e svendita

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content