Calabria7

Coldiretti, l’iscrizione del vitigno Magliocco arricchisce biodiversità

L’iscrizione del vitigno “Magliocco Dolce” nel registro nazionale varietà di vite annunciato dalla Camera di Commercio di Cosenza, arricchisce in modo considerevole e significativo l’ampiezza del patrimonio ampelografico della Calabria e ne costituisce un sicuro punto di forza e apre la strada ad ulteriori investimenti”. Cosi, Franco Aceto presidente di Coldiretti Calabria, commenta questo importante risultato che aumenta la reputazione di questo vitigno e che va a merito dell’Ente Camerale cosentino e del suo presidente Klaus Algieri che ha saputo fare squadra coinvolgendo i protagonisti della “nazionale del vino”, conseguendo un risultato che da valore al territorio, in particolare cosentino, ma non solo,dove in questi anni con viticoltori illuminati  si è investito in innovazione e tanta sperimentazione e questo consolida l’innalzamento della qualità del vino. Attraverso il Direttore di Coldiretti Calabria Francesco Cosentini, componente della Giunta Camerale,  – prosegue Aceto- abbiamo seguito costantemente l’evolversi della richiesta di iscrizione che andava ad accentuare le caratteristiche di  distintività e della non omologazione al mercato, una politica che è una costante per la Coldiretti poiché offre valore aggiunto e garanzie ai cittadini-consumatori.” In questi anni in Calabria,  – ricorda Coldiretti – grazie alla passione dei viticoltori e all’attività dei ricercatori si è investito molto nel salvare molti vitigni autoctoni dall’oblio che invece sono stati recuperati e salvati e ciò ha permesso la salvaguardia della biodiversità e una offerta ai consumatori di prodotti del territorio che significa sostegno all’economia locale, come dimostra la crescente richiesta di bottiglie di vino con questi vitigni. Aumenteranno  sicuramente  opportunità e  sbocchi commerciali – conclude Coldiretti -in parallelo anche con la vendita diretta nella rete di Campagna Amica, una tendenza in continuo aumento anche come risposta alle richieste dei consumatori di conoscere personalmente il produttore e scoprire le caratteristiche del prodotto che si intende acquistare, andando contemporaneamente alla scoperta del territorio d’origine.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Candeggina nel calice, ex parroco: “Dubbio di un atto non ricada su comunità”

Mirko

Minaccia e tenta di speronare con l’auto la ex: divieto di avvicinamento per 48enne

Mirko

Lanciava chiodi sulle strade, una denuncia

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content