Coldiretti: “Sulla Calabria pesano macigni”

Estate torrida Coldiretti

Problemi vecchi e nuovi tarpano le ali all’agricoltura e agroalimentare, ne condizionano le possibilità di crescita testimoniate dalle performance del settore su occupazione, PIL, export reputazione del cibo 100% calabrese, nuove imprese, giovani.

La denuncia e’ di Franco Aceto, presidente della Coldiretti Calabria.

La denuncia e’ di Franco Aceto, presidente della Coldiretti Calabria.

“Fattori e situazioni – precisa – che denotano le nostre capacita’ imprenditoriali e che si sono verificate al netto delle politiche regionali”.
Per il presidente della Coldiretti, “l’agenda per la Regione e’ fitta e le cose da fare, che definisce “incompiute”. Si deve consegnare agli agricoltori calabresi quello di cui hanno bisogno – aggiunge – altrimenti si perde la spinta e non si consolidano posizioni.

Inchiodata alle sue responsabilità e’ la Regione Calabria – continua – sia per scelte politiche da compiere che di una burocrazia che deve tradurle in pratica.

Non basta per giustificare politiche, fornire, come un mantra, numeri e classifiche sulla spesa fatta auto compiacendosi del confronto con le altre regioni – afferma – occorre il piede sull’acceleratore nella gestione del PSR – uniche risorse per l’agricoltura.

Ci sono e permangono cantieri aperti e incompiuti, che generano l’esasperazione per la continua emergenza gestionale che ha caratterizzato questa programmazione.

Macigni – continua Aceto – che gravano sulle imprese costrette a tempi lunghi e imprevedibili, istruttorie delle istanze discutibili, ricorsi ed istanze di riesame pendenti da oltre due anni e senza esito, continui accessi agli atti per capire le ragioni di irrazionali tagli applicati che compromettono l’efficacia e la tempestività degli investimenti. Insomma – dice – la sintesi e’ che i soldi per gli investimenti non arrivano agli agricoltori e si amplificano nella spesa solo le misure a superficie.

E’ di palmare evidenza che tutti i bandi delle misure strutturali hanno segnato il passo”.

“Una gestione – prosegue Aceto – che ha illuso e deluso la parte più entusiasta della Calabria, i tantissimi giovani e le imprese escluse per formalismi o per disomogeneità di valutazione, per errori istruttori derivati dall’assenza di disposizioni e dalla mancata attivazione delle procedure amministrative previste dai bandi stessi come il soccorso istruttorio.

Mancano – riferisce – circa 150 mln di euro per assicurare il pagamento dei premi fino al 2020 agli allevatori, alle imprese operanti nelle aree montane e svantaggiate (priorità del PSR anche per i risvolti sociali) ai produttori biologici e per le misure agro-ambientali: una urgenza che deve immediatamente vedere impegnata la Giunta, il Dipartimento e Arcea”.

Entrando nello specifico, Aceto fa risaltare “lo svuotamento delle funzioni e del ruolo del Tavolo Tecnico del partenariato, le criticità delle istruttorie per la liquidazione dei premi con migliaia di domande non liquidate o liquidate parzialmente, con l’applicazione di riduzioni improprie, la liquidazione di anticipi e stati d’avanzamento, il mancato avvio della revisione del PSR per la rimodulazione delle risorse disponibili, le istruttorie delle istanze di riesame dei giovani. Tutto questo – constata – e’ già tanto ma dobbiamo aggiungere il funzionamento del servizio UMA per l’assegnazione dei carburanti in agricoltura ancora da migliorare, le calamita’ che dal 2013 non trovano ristoro, le politiche e le risorse per l’accesso al credito, la ristrutturazione finanziaria del debito per le imprese, l’emergenza cinghiali , la gestione dell’inventario viticolo e dei bandi per l’attivazione degli aiuti che ha scontato la carenza di trasparenza nella comunicazione.

Abbiamo informato nel dettaglio le Istituzioni regionali e tutti i consiglieri regionali e contemporaneamente – dichiara Aceto – e’ partita la mobilitazione della Coldiretti sui territori dove in appositi incontri verrà fornita una precisa e documentata informazione agli agricoltori sull’avanzamento delle richieste”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il capo della Polizia ha partecipato all'inaugurazione di un murale dedicato alla figura dell'alto funzionario Angelo De Fiore, originario di Rota Greca, in provincia di Cosenza
l'analisi
Il sindaco uscente a C7: "Non sono io che devo parlare ma altri che devono esprimersi sulla mia ricandidatura"
Era impegnato nella messa in opera di un impianto idrico quando sarebbe stato travolto e schiacciato dal materiale accumulato sul bordo dello scavo
Ospite d'eccezione Alfredo D’Attorre della segreteria nazionale del Partito democratico, che ha ripercorso la vita di Puccio con episodi vissuti, evidenziando le sue "grandi qualità umane e politiche"
"Ammiro l'esempio di questi sacerdoti - che rappresentano l'Italia migliore - contro l'iniqua logica di sopraffazione e di violenza della criminalità organizzata"
Tutte e tre le auto erano parcheggiate in Via 4 Novembre, zona densamente abitata posta nella zona nord della città
batticuore
Medicine e attrezzi medico-sanitari dell'ospedale utilizzati per fini personali e per interventi in studi privati
Una risorsa fondamentale per i ricercatori, che favorisce l'identificazione di nuove molecole suscettibili di interventi terapeutici più efficaci
La presunta ''spedizione punitiva' sarebbe scattata dopo che il giovane aveva inscenato una protesta, dando fuoco in cella ad alcuni fogli di giornale
Premiato come unico italiano dall’American College of Surgeons di Boston, è ordinario di chirurgia all’Università degli Studi di Milano
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved