Calabria7

Colpaccio Vibonese al Pinto: Berardi e Plescia condannano la Casertana

casertana-vibonese

di Antonio Battaglia – A viso aperto nel primo tempo, resistenza stoica e spietato cinismo nella ripresa. La Vibonese lotta, segna, si chiude e porta a casa tre punti preziosissimi. Finisce 0-2 il match contro una Casertana incapace di spezzare l’incantesimo del “Pinto”. La squadra di Guidi macina occasioni a raffica nella prima frazione, ma a passare incredibilmente in vantaggio sono proprio gli ospiti grazie alla rete di Berardi. Nella ripresa i falchetti provano il tutto per tutto, ma sono costretti a sbattere sul muro di una Vibonese disposta benissimo in campo e capace di raddoppiare con Plescia. Successo prezioso per morale e classifica, che consente agli uomini di Galfano di guardare al prossimo delicato impegno di Teramo con rinnovato ottimismo.

Formazioni e scelte tattiche

Classico 4-3-3 per i padroni di casa. Davanti ad Avella spazio alla coppia difensiva composta dal rientrante Konate e Carillo, con Hadziosmanovic a destra e Polito a sinistra. A centrocampo confermati Izzillo, Bordin e Varesanovic, mentre sul fronte offensivo Icardi e Pacilli compongono il tridente con la punta Cuppone.

Rispondono gli ospiti rossoblù con il 3-4-3. Davanti a Marson, confermato l’asset difensivo con il trio Sciacca-Redolfi-Mahrous. In mezzo al campo spazio a Laaribi e Ambro con Ciotti e Rasi sulle fasce laterali, mentre in avanti Berardi e Statella assistono la punta centrale Plescia.

Primo tempo

Il primo squillo della partita lo crea la Casertana, con una conclusione dal limite di Bordin che si spegne a lato. Le due squadre si sfidano a viso aperto, ma sono i padroni di casa a provarci con più determinazione. I falchetti manovrano il pallone e si affacciano costantemente nella metà campo avversaria, ma la Vibonese è ben disposta in campo e concede pochi spazi. 

Al 19’ Cuppone, su assist di tacco da parte di Varesanovic, tenta la conclusione di prima intenzione a due passi dalla porta ma spara alto. La Vibonese soffre sul versante sinistro e quattro minuto dopo rischia ancora quando Icardi crossa all’indirizzo di Cuppone, libero ma incapace di impattare bene la sfera. A ridosso della mezzora l’intensità campana comincia a diminuire e gli ospiti ne approfittano acquistando porzioni di campo. La prima chance arriva al 27’, quando Plescia raccoglie un traversone dalla sinistra di Marhous e tenta una conclusione al volo che termina largamente sul fondo. La reazione avversaria arriva sessanta secondi dopo, quando Varesanovic manca clamorosamente l’impatto col pallone dopo un buon cross dalla sinistra. 

Al 40’ ancora insidiosa la Casertana con un diagonale di Hadziosmanovic che obbliga Marson alla respinta con i piedi. Il finale della prima frazione è concitato: al 44’, la Vibonese rischia grosso quando Laaribi regala un pallone clamoroso in mezzo al campo e innesca un contropiede dei falchetti che culmina con una conclusione centrale di Pacilli che chiama Marson all’intervento. All’ultimo istante, la squadra ipponica si riscatta con l’inaspettato vantaggio: rimessa laterale dalla sinistra di Mahrous, sponda di Plescia per Berardi che calcia a botta sicura freddando Avella all’angolino basso.

Secondo tempo

La ripresa, inaugurata dall’ingresso di La Ragione al posto di Berardi, è animata dallo stesso copione del primo tempo. La Casertana si rende protagonista di un lungo possesso palla che porta, al minuto 53, a una clamorosa chance per riagguantare il pari: Icardi viene servito sul lato sinistro dell’area di rigore e mette in mezzo per Cuppone, che in scivolata manda il pallone di poco a lato. Tre minuti dopo, Pacilli conclude al volo dalla distanza ma il pallone è facile da intercettare per Marson.

Galfano sceglie di dare più consistenza al reparto arretrato e inserisce Bachini al posto di Ambro. Guidi risponde con gli ingressi del temibile Castaldo e Origlia. Il pallone è sempre in possesso dei falchetti che cercano con insistenza i cross dal fondo. Al 62’, però, Bordin impegna Marson con un missile dalla distanza. I minuti scorrono ma la Casertana non trova l’affondo per arrivare ad un insperato pareggio: a fronte dell’ottimo piazzamento in campo, i campani faticano nell’impostare la manovra e non riescono a concludere in rete. Il tecnico Guidi manda in campo Santoro e Bordin nel disperato tentativo di scardinare il meccanismo difensivo degli avversari, che dalla loro parte fanno leva sulla freschezza dei neoentrati Parigi e Vitiello. 

La Vibonese oggi è cinica e lo dimostra al minuto 87, quando Plescia si invola verso la porta e con un preciso diagonale trafigge le speranze dei padroni di casa. La stessa dinamica si ripete negli istanti finali, ma l’ex Renate viene fermato fallosamente da Carillo che si becca il cartellino rosso. Vittoria di peso per gli uomini di Galfano, che si riscattano così dalle ultime cocenti delusioni.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, in ospedale il prof di Nicotera

Francesco Cangemi

La Calabria si tinge di rosa, partita la quinta tappa del Giro d’Italia (FOTO-VIDEO)

Mirko

Coronavirus, altri 8 casi positivi tra Catanzaro, Crotone e Vibo

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content