Calabria7

Colpisce il padre a bastonate, vibonese viola divieto di avvicinamento e finisce in carcere

arresto a Vibo

Durante il mese di marzo era stato allertato il 113 per una lite in famiglia in un appartamento a Vibo Valentia. I poliziotti erano intervenuti sul posto e dopo aver ricostruito la dinamica degli eventi avevano proceduto ad allontanare dalla propria casa familiare un uomo sospettato di aver colpito con un bastone il padre, anziano, per futili motivi. Le indagini a seguito dell’intervento venivano svolte in costante sinergia operativa dalla Squadra Mobile e dall’U.P.G.S.P. della Questura di Vibo Valentia, ricostruendo l’episodio di violenza domestica attraverso la meticolosa repertazione della scena dello scontro e dall’ascolto dei testimoni. All’esito delle prime attività l’uomo veniva allontanato dalla casa familiare, con il relativo e conseguente divieto di avvicinamento entro 200 metri dall’abitato.

Disposto divieto di avvicinamento, torna a casa dei genitori

Tuttavia durante la decorsa settimana l’uomo veniva colto nella violazione delle prescrizioni imposte dal giudice, essendosi nuovamente recato presso l’abitazione dei genitori. A seguito della grave violazione della misura cautelare, su richiesta della Procura della Repubblica che ha coordinato le indagini, diretta dal procuratore capo Camillo Falvo, il gip del Tribunale di Vibo Valentia disponeva l’aggravamento della misura applicando la custodia cautelare in carcere. La vicenda evidenzia ulteriormente l’attenzione che deve essere posta a fenomenologie criminali connesse alla violenza di genere e alla violenza domestica, risultando in tali circostanze essenziale la tempestività nella richiesta di aiuto alle forze dell’ordine al fine di evitare che situazioni di violenza, fisica o verbale, possano degenerare.

© Riproduzione riservata.
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content