Calabria7

Commercianti sotto il giogo dell’usura nel Catanzarese, 2 condanne (NOMI)

operazione malapianta

di Gabriella Passariello- Si chiude con due condanne e un’assoluzione il processo di primo grado nell’ambito dell’inchiesta su un giro di estorsioni e usura aggravata dalle modalità mafiose messe in atto nei confronti di due commercianti del Soveratese, costretti a chiedere in prestito una somma iniziale “relativamente irrisoria”, pretendendo nel tempo tassi di interesse vertiginosi. Il gup del Tribunale di Catanzaro Francesco Vittorio Rinaldi ha condannato  Francesco Galati, a 4 anni, 6 mesi e 14mila euro di multa (il pm aveva invocato 14 anni di reclusione);  Giuseppina Taverniti, a 4 anni, 5 mesi, 10 giorni di reclusione e 13.333 euro di multa  (il pm aveva invocato 9 anni di reclusione), mentre ha assolto per non aver commesso il fatto  Angelo Gagliardi, (il pm aveva chiesto 2 anni e 8 mesi), tutti e tre giudicati con rito abbreviato. Inoltre per Galati e Taverniti, il gup ha disposto l’interdizione dai pubblici uffici per la durata di 5 anni, la confisca e la devoluzione all’erario dei beni sequestrati. Entrambi gli imputati sono stati condannati in solido tra loro al risarcimento dei danni subiti dalle parti civili, da liquidarsi in separata sede. Esclusa per  Francesco Galati e Giuseppina Taverniti l’aggravante mafiosa. Gli avvocati difensori, Salvatore Staiano e Vincenzo Cicino attenderanno le motivazioni della sentenza che verranno depositate nel termine di 90 giorni per ricorrere in appello.

“Ti taglio la testa”

Secondo le ipotesi di accusa i coniugi a maggio 2016 avrebbero elargito 20mila euro alla titolare di una gioielleria di Guardavalle Marina, imponendo interessi anticipati fino ad arrivare a pretendere negli anni la somma complessiva di 300, 400mila euro, minacciando il figlio della titolare della gioielleria di tagliargli la testa, con l’avvertimento che si sarebbero impossessati dell’attività del marito, della casa di proprietà, dell’oro della gioielleria. Avrebbero costretto la gioielliera a versare al Compro Oro di Catanzaro preziosi della propria clientela per recuperare liquidità, procurandosi l’ingiusto profitto, consistito nella consegna del denaro ricavato dalla vendita. Il debito andava onorato e Gagliardi e Taverniti avrebbero minacciato il marito della titolare della gioielleria a cedere la sua attività commerciale ubicata a Guadavalle superiore.

“I debiti si onorano”

E per punirli della “loro poca tempestività” e del fatto che non avevano ottemperato a quanto pattuito, Galati avrebbe dato uno schiaffo al figlio dei due commercianti che si era recato a casa sua consegnando la somma di 6mila e 700 euro invece dei 13mila concordati, costringendo i genitori del ragazzo a pagare i debiti maturati nel corso dell’attività commerciale della gioielleria cedendo l’attività del marito.  Gagliardi e Taverniti sono stati raggiunti l’8 maggio scorso da un provvedimento di misura cautelare, eseguito dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Soverato e da quelli della Stazione di Guardavalle, che ha portato il primo in carcere e la seconda ai domiciliari, poi passata al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima.

L’inchiesta

Le indagini hanno avuto inizio nel maggio 2019, a seguito della denuncia presentata alla Compagnia dei carabinieri di Soverato dalle vittime, titolari di un esercizio commerciale e un’attività produttiva, ed è stata sviluppata attraverso indagini tecniche (intercettazioni telefoniche, ambientali e analisi di dati), attività tradizionali (osservazioni, controlli e pedinamenti) e accertamenti patrimoniali. I fatti oggetto delle indagini sono stati inquadrati, da inquirenti ed investigatori in un più ampio contesto di matrice ‘ndranghetista, per la riconducibilità degli indagati alla cosca Gallace, attiva nell’area Jonica Catanzarese, con proiezioni nel Lazio e in Lombardia. Nello stesso contesto, è stato eseguito un sequestro preventivo di beni mobili e immobili riconducibili agli indagati nei Comuni di Guardavalle, Soverato e Nettuno, per un valore complessivo di oltre 100mila euro. Aggravante mafiosa crollata alla luce del verdetto del giudice.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Matteo Salvini a tutto campo, il leader leghista parla ai catanzaresi (SERVIZIO TV)

manfredi

Lavoro nero, una denuncia nel Vibonese

Matteo Brancati

Regione, dal Psr 4 milioni e mezzo per i servizi di consulenza agli agricoltori

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content