Compravendita di diplomi nel Vibonese, scarcerato Dimitri Licata

L'indagato è chiamato a rispondere del reato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e alla produzione di atti falsi

Arrestato nell’ambito dell’operazione Diacono coordinata dalla Procura di Vibo Valentia, Dimitri Maria Licata è stato scarcerato nelle scorse ore. Accusato di far parte di un’associazione per delinquere che avrebbe dato origine a un complesso sistema di corruzione volto alla compravendita di titoli di studio per accedere a concorsi pubblici l’indagato è stato posto agli arresti domiciliari. Il mercimonio sarebbe, secondo l’ipotesi accusatoria, stato avallato dagli organi ispettivi deputati alla verifica della correttezza delle procedure di attestazione e da soggetti in forze al Ministero dell’Istruzione. Il gip del Tribunale di Vibo Valentia Francesca Del Vecchio ha accolto l’istanza presentata dai difensori Diego Brancia e Francesco Sabatino disponendo per Licata la misura meno afflittiva della detenzione domiciliare. Anche il pm aveva espresso parere positivo in merito all’allontamento dal carcere dell’indagato chiamato a rispondere del reato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e alla produzione di atti falsi.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Dopo l’attracco i migranti sono stati trasferiti nella tensostruttura realizzata all’interno dell’area portuale
"Il malaffare si previene con la politica, si combatte con la legge, ma si argina con i comportamenti"
Per entrare nello studio medico ha utilizzato una scala e raggiunto il primo piano dell’edificio con l'aiuto di complici non identificati
La vittima era stata inseguita dal 59enne che dopo aver cercato di buttarlo fuori strada per poi minacciarlo di morte mostrandogli un tubo
Sotto la lente dei pm sono finiti anche ex consiglieri regionali accusati di voto di scambio e corruzione
"Tutto parte dal chiedersi perché un’opera di Gagini realizzata con marmo di Carrara si trovi a Soverato
La costruzione dovrebbe iniziare nel 2027 sull’isola di La Palma. Il contributo italiano è concreto, coinvolgendo 3 Università
"Mandare 80 persone negli ospedali calabresi per controllare chi sta lavorando vuol dire creare disagio a chi lavora tra mille difficoltà"
Per un Lamezia-Fiumicino si arriva anche a sfiorare i mille euro. Ma in soccorso arriva l"hidden-city ticketing"
Era stato infettato mentre si trovava in Grecia. Da alcuni giorni era ricoverato in ospedale
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved