Calabria7

Comunali Catanzaro, il candidato sindaco Donato ricorda la strage di Capaci

Alle 17.58 (l’ora della deflagrazione di Capaci), prima di dare inizio al confronto con una delegazione di commercianti, Valerio Donato candidato sindaco per Catanzaro, ha chiesto – per ricordare l’uccisione il 23 maggio del 1992 di Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani – di osservare un minuto di raccoglimento. “Quando pensiamo a Giovanni Falcone e a Paolo Borsellino, le cui vite umane e professionali, – ha affermato Donato – dall’inizio del loro tenace e incorruttibile impegno di contrasto a Cosa Nostra fino all’epilogo terribile di Capaci e via d’Amelio, sono profondamente intrecciate, ci vengono gli occhi lucidi”.

“Costruire cittadinanza libera da mafie e corruzione”

“A loro, però, – ricorda Donato – dobbiamo pensare non solo per celebrare una ricorrenza, importante come le altre del calendario civile della Repubblica che rinsaldano il patrimonio condiviso di valori costituzionali. Ma dobbiamo pensarli, soprattutto per chiederci cosa può fare ciascuno di noi, per costruire una cittadinanza che sia da sbarramento ad ogni ingerenza mafiosa e inquinamento corruttivo. In breve: cosa dobbiamo fare noi, per meritarci il diritto di ricordare uomini e donne che hanno sacrificato la vita per la difesa della legalità e della democrazia”.

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Nubifragi e allagamenti nel Catanzarese, lavoro straordinario dei Vigili del fuoco (VIDEO)

Alessandro De Padova

Abuso di droga: dati allarmanti in Calabria, strutture lasciate sole (SERVIZIO TV)

manfredi

Coronavirus, il sindaco di Badolato chiude una scuola fino all’8 maggio

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content