Comunali Catanzaro, Fiorita sulla maladepurazione: “Responsabili a casa, abbiamo soluzione”

"L'assessore ai lavori pubblici Franco Longo – sostenitore del candidato Donato – dice che il suo assessorato non ha rispettato gli ordini del sindaco"
Le parole del primo cittadino durante la conferenza stampa di presentazione della nuova campagna di sensibilizzazione promossa da Assessorato all’Ambiente e Sieco

“Siamo al grottesco e all’inverosimile. Mentre il fetore del depuratore ammorba Lido e infligge un nuovo colpo alle attività commerciali e alla vita dei cittadini, l’assessore ai lavori pubblici Franco Longo – ispiratore di una lista a sostegno di Valerio Donato – ci dice candidamente che gli uffici del suo assessorato non hanno rispettato gli ordini del sindaco Abramo che aveva sollecitato quindici giorni fa interventi manutentivi dell’impianto. Longo, che è stato incapace in tanti anni di risolvere questo gravissimo problema, – denuncia il candidato sindaco di Catanzaro Nicola Fiorita – scarica tutto sui propri uffici e dunque sui dipendenti comunali, quasi che lui provenga da Marte. Non conosce la vergogna e ha rilasciato dichiarazioni che riassumono tutta l’incapacità di chi non è riuscito a dare a Catanzaro un nuovo depuratore e non è nemmeno riuscito a gestire l’emergenza. Ora ci diranno che strumentalizziamo elettoralmente il caso del depuratore. Noi rispondiamo dicendo che sono anni che sollecitiamo interventi seri. Appena qualche mese fa, dopo una tavola rotonda con esperti del settore, avevamo messo in guardia Abramo e Longo sul fatto che avremmo avuto un’altra estate marrone e puzzolente. Non siamo stati ascoltati e la nostra offerta di aiuto, attraverso i nostri esperti, è stata rifiutata”.

“Abbiamo la soluzione”

“Abbiamo la soluzione”

“Non ci resta che mandare a casa i responsabili di tanto scempio e dare una boccata di aria pura all’amministrazione. Si sappia, i catanzaresi sappiano, – sottolinea Fiorita – che anche sul depuratore abbiamo le idee chiare. Perché noi abbiamo il “vizio” di studiare i problemi e cercarne le soluzioni. Nell’immediato, è chiaro a tutti che siamo in emergenza. La nuova amministrazione comunale potrà insediarsi ed iniziare ad operare soltanto a fine giugno e quindi a stagione estiva inoltrata, con la conseguente impossibilità di agire tempestivamente e in maniera risolutiva. Mani legate, è vero, ma non del tutto. C’è un percorso tecnico da poter percorrere velocemente per tamponare almeno i disagi maggiori: smaltire i fanghi presenti nell’area di impianto; bonificare i sistemi di pretrattamento dei liquami; infine utilizzare la tecnologia definita “Scudo Galleggiante“ e ideata proprio per il trattamento delle emissioni odorigene. In pratica, una speciale miscela oleosa che viene sparsa sulla superficie o iniettata nella massa d’acqua del bacino da deodorizzare e che, una volta a contatto con l’acqua, neutralizza immediatamente le particelle maleodoranti. Dopo l’emergenza, c’è il futuro da pianificare. Ammodernamento, adeguamento e ampliamento dell’impianto esistente appaiono insostenibili dal punto di vista ambientale e paesaggistico. Occorrerà quindi prendere in esame le varie ipotesi di localizzazione del nuovo impianto di depurazione, puntando alla sostenibilità ambientale, finanziaria e temporale. Poi ci vorrà uno studio di fattibilità. Infine un bando di gara con finanza di progetto, per progettazione, costruzione e gestione del nuovo impianto, utilizzando le risorse pubbliche disponibili”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved