Calabria7

Comunali, Franz Caruso a Letta: “Dopo Cosenza vinciamo anche a Catanzaro”

Centro per l'impiego Cosenza

“Progressisti nei valori, riformisti nel metodo, radicali nei comportamenti“. È questa la sfida che Enrico Letta lanciò all’Italia ed all’Europa candidandosi alla segreteria nazionale del Pd nel marzo dello scorso anno. È questa la sfida che lanciammo e vincemmo insieme a Cosenza con la mia elezione a Sindaco della città. È con questa sfida, che per i cosentini è stata di buon auspicio, che saluto la venuta del segretario Letta in Calabria, a Catanzaro, dove dobbiamo e possiamo vincere con il candidato Fiorita, affinché anche la città capoluogo di Regione possa cambiare rotta ed affermare una gestione della cosa pubblica intrisa di legalità, trasparenza e partecipazione, per come stiamo facendo nella città dei Bruzi”. È quanto afferma il sindaco di Cosenza, Franz Caruso salutando la visita di Enrico Letta in Calabria, prevista per domani, lunedì 23 maggio.

“Letta sblocchi i trasferimenti del 2021”

“La mia vittoria – prosegue Franz Caruso – ha rappresentato la vittoria di un modello delle forze riformiste europee, progressiste e civiche per caratterizzare un progetto chiaro, riconoscibile e senza ambiguità, che si è candidato a guidare, con serietà e determinazione, i grandi processi di cambiamento che a partire da Cosenza dovranno investire l’intero Mezzogiorno, rinverdendo una storia che ha visto noi meridionali sempre protagonisti. Ho rappresentato, insieme alla squadra che mi ha affiancato con tenacia e determinazione, una scommessa ed una riscossa per il Pd, come ebbe a dire Boccia, specialmente dopo la débâcle alla Regione Calabria. Ora il PD può e deve rappresentare una riscossa per la mia città che vive una situazione drammatica sotto ogni punto di vista ed in ogni settore della vita pubblica ed ha, quindi, bisogno del sostegno e dell’aiuto del Governo centrale. A tal fine a nome dell’intera amministrazione comunale e di tutta la maggioranza consiliare chiedo ad Enrico Letta di sostenere la nostra richiesta al Ministero degli Interni affinché sblocchi i trasferimenti relativi all’anno 2021, parzialmente bloccati a causa dei ritardi da parte della precedente amministrazione nei fondamentali adempimenti contabili e amministrativi. Con l’approvazione del bilancio consolidato 2020, intervenuta nel corso del mese di aprile, sono stati eliminati gli elementi ostativi allo sblocco dei trasferimenti relativi all’anno 2021. Tuttavia questi tardano ad arrivare e, ad oggi, l’ente si trova in gravissime condizioni di cassa. Urge pertanto che intervenga l’immediata erogazione del dovuto onde evitare conseguenze pesanti in termini di funzionalità del Comune.

“A Cosenza stiamo invertendo la rotta”

A Cosenza stiamo invertendo la rotta. Con determinazione stiamo mantenendo gli impegni assunti con i nostri elettori, portando avanti un’azione politico/amministrativa per la gente e con la gente, sempre rivolta al bene comune. Tanto abbiamo fatto fino ad oggi approvando ben 4 documenti di bilancio, partecipando con risorse umane esigue ai Bandi del PNRR, riconsegnando strade e piazze alla città, efficientando per quanto possibile il servizio idrico, riorganizzando la gestione dei rifiuti, la pulizia delle strade, offrendo proposte culturali variegate e di livello ai nostri concittadini, puntando sul centro storico e sui nostri beni artistici ed architettonici per riqualificarli e valorizzarli, avviandoci verso uno sviluppo smart e sostenibile. Ma non solo. Abbiamo anche bandito egoismi e personalismi, scardinato rendite di posizioni che vorrebbero ostacolare il cambiamento avviato. Tanto abbiamo fatto, in poco più di sei mesi e senza un euro in cassa. Tanto, tantissimo dobbiamo fare… e lo faremo. Abbiamo spalle larghe ed il “difetto” di mantenere gli impegni assunti con la nostra gente. Proseguiremo, dunque, ne sono certo con il sostegno del PD, per preservare il modello vincente rifomista, progressista ed europeista che abbiamo forgiato insieme al PD di Letta, da eventuali e non auspicabili schizofrenie politiche e compromessi al ribasso». «Dopo Catanzaro, infatti – conclude il Sindaco di Cosenza – la sfida è quella delle politiche del 2023 per le quali ci sentiamo sin d’ora impegnati per vincerle ed avviare, così, il rilancio del nostro Paese”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Regione, Bevacqua: “Santelli considera istituzioni terreno di caccia privato”

Mirko

“A microfono aperto…” Sanità, l’insigne genetista Boccuto protagonista della puntata adesso online

Maurizio Santoro

Poste Italiane, nel Catanzarese pensioni accreditate dal 25 settembre

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content