Comune Catanzaro, Tallini (FI): “Pessimo spettacolo che offriamo alla città”

“La coesione e la credibilità di una maggioranza politica si misura soprattutto su valori come la coerenza e il rispetto delle regole”.

Lo scrive in una nota stampa il consigliere regionale e segretario provinciale di Forza Italia Catanzaro, Domenico Tallini.

Lo scrive in una nota stampa il consigliere regionale e segretario provinciale di Forza Italia Catanzaro, Domenico Tallini.

“Quando questi valori vengono meno, si aprono le strade verso l’anarchia ed il caos politico. Su tali basi etiche si è fondata la coalizione che nel 2017 ha portato alla vittoria, contro tutti i pronostici, del sindaco Sergio Abramo e nel contempo ad un netto rinnovamento nella composizione del Consiglio comunale.

Oggi trasformismi e complottismi sembrano assurgere a protagonismo dell’aula del Consiglio Comunale, con maggioranze a geometria variabile i cui perimetri si allargano e si restringono a seconda degli obiettivi personali da raggiungere, con tanto di complimenti della stessa opposizione che individua “Merante vero leader” della maggioranza (Fiorita docet), e non poteva che essere così visti i grandi vantaggi che il suo protagonismo politico sta portando allo schieramento del centrosinistra.

“Forza Italia che mi onoro di rappresentare a livello provinciale, dopo l’anomalo risultato del voto sul presidente Abramo alle provinciali, ha avuto l’energia e il rigore necessario per fare chiarezza all’interno del proprio gruppo consiliare, individuando ed isolando posizioni non compatibili con i valori su richiamati.

Lo ha fatto – scrive Tallini – senza lanciare anatemi o scomuniche, metodi che non appartengono alla nostra cultura politica, prendendo posizioni pubbliche nette e che non lasciano spazio a strumentalizzazioni. Abbiamo l’impressione però che la maggioranza, nel suo complesso, non abbia percepito la gravità di quanto accaduto in occasione delle elezioni provinciali e i rischi che quanto accaduto diventi un pericoloso precedente. La vittoria alle Provinciali è stata messa a repentaglio da comportamenti assunti non alla luce del sole, ma dietro le quinte, in maniera oscura, come solo i complottisti amano fare.

Se il tradimento assurge a valore, allora vuol dire che ognuno nella maggioranza in futuro potrà agire nello stesso modo e minare dall’interno la coalizione che invece ha bisogno di unità e coesione per rispettare il patto con gli elettori. Una vera maggioranza politica che si ispira alla coerenza e al rispetto delle regole avrebbe dovuto subito fare quadrato, capire che non si trattava e non si tratta di una questione interna di un singolo partito, ma di una forte esigenza di isolare un virus nefasto che può contagiare, come già sta avvenendo, tutta la coalizione e di riflesso mettere in seria difficoltà la vita dell’intera Amministrazione. Questa consapevolezza collettiva non c’è stata perché le logiche che sembrano prevalere sono quelle degli equilibrismi per tirare a campare o, peggio ancora, l’inseguimento di logiche di natura opportunistiche e elettoralistiche.

Il risultato è quello di un pessimo spettacolo che offriamo alla città, ogni volta, in occasione delle sedute del Consiglio comunale.

Forza Italia, – conclude il coordinatore provinciale di Forza Italia – dopo aver fatto chiarezza al proprio interno, lavorerà affinché questa chiarezza diventi patrimonio politico dell’intera maggioranza e si impegnerà con tutte le proprie forze per impedire che in Consiglio Comunale possano prevalere posizioni disfattiste che mortificano la politica e umiliano la città. Chiederemo a tutti gli alleati di tirar fuori l’orgoglio politico di appartenenza ad una maggioranza che è stata frutto di saggezza e intelligenza politica ed il cui patrimonio non deve essere disperso. Non ci fermeremo, non lasceremo che tutto continui come se nulla stesse accadendo, cercheremo e profonderemo ogni nostra energia per impedire che il caos e la confusione politica possa assumere le caratteristiche di una grave ed irreversibile deriva politica”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
La denuncia del consigliere regionale e presidente del Gruppo Misto a palazzo Campanella: "E' l'ora di cambiare registro"
Nella giornata della Legalità la clamorosa storia di un coraggioso imprenditore antimafia che finisce sottoprocesso dopo aver denunciato i suoi aguzzini
La rassegna diretta da Alessandro e Gianvito Casadonte dal 24 al 29 maggio coinvolgerà il pubblico degli studenti
Depositata la richiesta firmata dal gruppo consiliare del Pd e dai capigruppo del Movimento Cinquestelle e del Misto
Il format, con la presenza di alcuni protagonisti della salute, della sanità e dello sport, prevede  due panel dal 24 al 29 maggio
Il ricordo dell'ufficiale dei carabinieri, tra i pochi di cui il giudice si fidava: "In macchina avrei potuto esserci anche io se non fossi tornato prima in Sicilia"
E' accusato di tentata estorsione: avrebbe anche rovesciato una bottiglia di benzina sulla madre minacciandola di darle fuoco
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved