Calabria7

Comune di Catanzaro, Cardamone: “Serve un patto tra i partiti”

cardamone forza italia

“Forza Italia ha già lo sguardo proiettato al futuro della città, ma ritiene che l’ultimo anno della legislatura non possa ridursi ad un semplice “tirare a campare” che aggraverebbe ancora di più i problemi di una comunità fortemente provata dalla pandemia e da una crisi di identità e di immagine che sarebbe stupido negare. Serve perciò un patto tra i partiti che metta fine alla confusione politica che si registra in Consiglio Comunale, dove gli unici fari certi sono i gruppi che fanno riferimento a partiti nazionali, Forza Italia e Udc”. Lo ha affermato, in una nota, il coordinatore di Forza Italia Catanzaro Ivan Cardamone.

“Continue migrazioni e adattamenti opportunistici”

“Senza nulla togliere all’importanza delle liste e dei gruppi civici, non può non essere sottolineata – ha proseguito – una situazione fatta di continue migrazioni, di adattamenti opportunistici, di personalizzazione dell’azione politica, tutti fenomeni che non fanno bene alla democrazia e non fanno bene all’Amministrazione. Così come non fa bene alla democrazia e all’Amministrazione la progressiva riduzione numerica dei gruppi di opposizione che ha nei fatti favorito la concentrazione del potere in poche mani. Forza Italia, anche attraverso la consultazione con l’UdC, rappresenta l’unico deterrente alla definitiva “balcanizzazione” di un Consiglio Comunale stravolto nella sua iniziale composizione e nemmeno conseguente sul piano delle scelte. Tanto per fare l’esempio più evidente – continua –  l’impegno elettorale profuso dal gruppo del sindaco Abramo a favore della Lega non si è tradotto nella naturale composizione di un gruppo consiliare. Sarebbe stato utile, anche perché la Lega è un partito alleato non solo nelle Regioni, ma anche nel Governo Draghi”.

“Aprire un confronto nel centrodestra”

“Forza Italia, da parte sua, è un partito strutturato, con un gruppo consiliare che sta dimostrando correttezza e compattezza, con un gruppo dirigente cittadino, provinciale e regionale che è sempre stato dalla stessa parte, guadagnandosi stima e rispetto da parte dei vertici nazionali. Chi pensa di saltare il confronto con il partito locale – aggiunge Cardamone – che ha costruito negli anni un consenso onesto e trasparente, commette un grosso errore. Non saranno improbabili contatti romani a cambiare l’ordine delle cose perché ora è il tempo della chiarezza e ognuno deve rispondere delle proprie scelte, passate e presenti”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Rinascita Scott, il pentito Moscato riconosce la “talpa” dei Piscopisani: è un carabiniere

Mimmo Famularo

Lamezia, De Biase: “Riaprire virologia e malattie infettive”

Andrea Marino

Regionali: Morra: “Rispetto legge sia primo obiettivo di chi si candida”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content