“Comune Reggio a rischio, bene Falcomatà”

Sono giorni di forte preoccupazione per la città di Reggio Calabria che, al pari di centinaia e centinaia di altri Comuni italiani, si sta mobilitando per evitare la crisi finanziaria.

Lo afferma in una nota Giovanni Puccio, Coordinatore Federazione Metropolitana Reggio Calabria.

Lo afferma in una nota Giovanni Puccio, Coordinatore Federazione Metropolitana Reggio Calabria.

Come ormai noto, la recente sentenza di febbraio della Corte Costituzionale ha “cancellato” la norma che ha consentito di attuare il piano trentennale di riequilibrio finanziario del Comune per il risanamento del buco di bilancio prodotto dalle precedenti amministrazioni ed accertato durante la fase di commissariamento dell’Ente.

La sentenza della Consulta è evidente che pone tutti i Comuni, che avevano applicato e programmato un piano di riequilibrio, davanti ad una situazione insostenibile dal punto di vista contabile e finanziario, concretizzando, in mancanza di provvedimenti urgenti del Governo nazionale, il default e la soppressione di tutta una serie di servizi indispensabili per la cittadinanza.

Bene allora sta facendo il sindaco Falcomatà, al quale il Partito Democratico ribadisce il proprio sostegno convinto, a sensibilizzare tutte le forze politiche, sociali ed imprenditoriali del territorio reggino affinchè si promuova tutti insieme, senza steccati politici o ideologici, una battaglia in difesa delle prerogative della città.

In questo senso vanno gli incontri già effettuati con i consiglieri comunali, sia di maggioranza che di minoranza, e quelli con i rappresentanti delle categoria produttive e professionali.

C’è bisogno, in questo momento, che ognuno faccia la propria parte per evitare che Reggio Calabria, dopo il commissariamento per mafia, subisca un ulteriore grave danno.

Quella del sindaco Falcomatà è un’azione a tutto campo che lo ha visto anche, in qualità di delegato dell’Anci al Mezzogiorno e alle Politiche territoriali, ribadire e documentare gli effetti drammatici derivanti dalla sentenza della Consulta, anche in occasione, la scorsa settimana, della Conferenza Stato-Città e autonomie locali che si è svolto presso il Ministero dell’Interno.

Anche in quella occasione istituzionale ha ribadito la richiesta al Governo di un provvedimento urgente con l’obiettivo di risolvere la situazione paradossale in cui si dibattono tutti i Comuni che si sono visti piovere addosso una sentenza (14 febbraio) proprio nel periodo in cui erano impegnati nella redazione dei documenti di bilancio previsionale in scadenza il prossimo 31 marzo.

Come di vede il tempo è davvero molto ridotto e si spera che qualche notizia positiva possa emergere dall’incontro che si terrà, domani 21 marzo, con il sottosegretario all’Economia e Finanze Laura Castelli, alla quale il sindaco Falcomatà consegnerà anche un documento illustrativo con le criticità riscontrate ma pure con le ipotesi percorribili per arrivare ad una soluzione ragionevole e dignitosa che salvaguardi l’interesse dei cittadini.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il prossimo sabato 25 maggio l’incontro “Con Giorgia i giovani cambiano l’Europa”. Ci saranno i candidati alle elezioni europee
La squadra in Lombardia con un volo charter. Si trasferirà in una struttura vicino a Cremona per il ritiro prepartita abituale
L'imputato secondo l'accusa, si sarebbe fatto praticare rapporti orali da una minorenne in cambio di una somma di denaro
Operazione della Guardia di Finanza nel contrasto al lavoro sommerso. Scoperti dodici lavoratori completamente senza contratto
Torna a crescere la fiducia degli italiani verso le istituzioni, pubbliche e private, ma solo una parte raccoglie oltre la metà dei consensi
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved