Con la primavera torna un nuovo valzer di nomine: occhi puntati su Rai, Ferrovie e Cdp

Messe in archivio quelle dello scorso anno (Enel, Eni, Terna), che vedevano in prima fila gli asset più importanti della finanza a maggioranza statale restano comunque poltrone importanti da assegnare
rai

Dopo Pasqua oltre agli appuntamenti dei conti pubblici e a quelli politici in vista del voto europeo di inizio giugno la maggioranza di Governo sarà impegnata anche su un altro fronte: la tornata delle nomine nelle partecipate. Messe in archivio quelle dello scorso anno (Enel, Eni, Terna), che vedevano in prima fila gli asset più importanti della finanza a maggioranza statale restano comunque poltrone importanti da assegnare: tra queste certamente quelle per i consigli d’amministrazione di Cdp, Ferrovie dello Stato e Rai.

Le cariche di Anas

Le cariche di Anas

Di valenza strategica anche le cariche in Anas, che recentemente ha concluso un contratto di programma con il ministero delle Infrastrutture da 44 miliardi. Quest’anno inoltre il giro di nomine toccherà anche una serie di società sia a diretto controllo del Mef come Sogei, ma anche Cinecittà, Gse e Invimit, sia di numerose aziende controllate indirettamente attraverso le capogruppo (tra le tante Open Fiber, tra le 5 partecipate indirettamente da Cdp con gli organi in scadenza): in tutto si tratta, stando a un dossier del Servizio per il controllo Parlamentare della Camera circolato all’inizio dell’anno di 63 board, di cui 48 di secondo livello.

Cassa depositi e prestiti

Per Cdp, che giovedì prossimo approverà il progetto di bilancio da parte degli amministratori, la partita coinvolge anche le Fondazioni. Gli enti sono azionisti di minoranza dopo il Mef e, per statuto, esprimono il presidente mentre la maggioranza del cda e l’ad sono di nomina governativa. Per la presidenza il parere degli enti di origine bancaria sembra indirizzato a confermare Giovanni Gorno Tempini. Un ricambio al posto dell’attuale amministratore delegato Dario Scannapieco potrebbe essere invece più probabile anche se l’equilibrio all’interno delle forze di governo e la volontà di non posticipare al dopo voto le scelte potrebbero portare ad una sua riconferma.

Le Ferrovie

Così come per l’a.d. di Ferrovie, Luigi Ferraris, per molti in vista di una conferma mentre per altri viene visto in uscita a favore di Stefano Donnarumma, uno dei manager di maggior peso rimasto escluso dalle precedenti tornate di nomine. +

In questo caso, più che in altri, un indirizzo per competenza sarà indicato dal ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Matteo Salvini, che dovrà scegliere d’accordo con il Mef e ovviamente con la presidente del Consiglio. Per la tv pubblica si dovrebbe profilare una staffetta tra l’attuale Ad Roberto Sergio e il direttore generale Giampaolo Rossi. Ma il condizionale è sempre d’obbligo vista l’attenzione che viene data da sempre alle nomine nell’azienda televisiva e a cascata sui vari canali e programmi. Mentre per la presidenza sarebbe al momento quello di Simona Agnes il nome in pole position, attuale consigliere della Rai (in quota Fi). (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved