Calabria7

Con rituali satanici segrega in casa la figlia per 30 anni, arrestato 75enne calabrese

Nei giorni scorsi, i carabinieri della tenenza di Isola di Capo Rizzuto hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per maltrattamenti in famiglia, emessa nei confronti di I. G., 75enne, pensionato, originario e residente a Isola di Capo Rizzuto. Il gip del Tribunale di Crotone, accogliendo le risultanze delle investigazioni, condotte dagli operanti sotto la direzione della Procura della Repubblica crotonese, ha ritenuto rilevanti gli indizi di reità a carico di I. G., il quale, a partire dal 1984, si era reso autore di numerose condotte vessatorie nei confronti della figlia convivente, oggi 53enne, e della figlia di quest’ultima, 13enne, consistenti in continue offese, nonché in comportamenti marcatamente prevaricatori e domestici lesivi della loro dignità, costringendole a tenere delle “penose condizioni di vita”, impedendo, in particolare alla figlia, oggi 53enne, sin dalla giovanissima età, “di godere di ogni forma di autonomia” e “proibendo loro di uscire di casa”, così “determinando il sostanziale abbandono scolastico da parte della nipote”, quindi “inibendo ogni loro possibilità d’indipendenza economica e sociale”.

Riti satanici e magia nera

L’attività svolta dai carabinieri con il supporto dei servizi sociali del Comune di Isola di Capo Rizzuto ha altresì permesso di documentare come le due donne, figlia e nipote del destinatario dell’odierna misura, vivessero in “uno stato di quasi segregazione”, propiziato anche “dalla soggezione incussa alle vittime per via dei riti satanici che lo stesso compiva”, circostanza suffragata anche dal rinvenimento da parte dei militari dell’Arma di una valigetta contenente amuleti e altri oggetti tipici delle celebrazioni di rituali di “magia nera”. Rilevanti, per la ricostruzione degli eventi, sono state le testimonianze rese dalle vittime e i materiali, soprattutto quelli esoterici, trovati dai carabinieri durante l’accesso all’abitazione familiare, che hanno suffragato l’impianto accusatorio raccolto dagli operanti nei confronti di I. G., il quale, dopo essere stato condotto in caserma, al termine degli accertamenti di rito, è stato associato alla casa circondariale di Crotone e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria mandante del provvedimento cautelare eseguito nei suoi confronti.

Immagine di repertorio

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Covid in Calabria: nuovi positivi in calo, 8 i morti

Alessandro De Padova

Recuperato il jet caduto dalla portaerei Usa al largo della Calabria

Maria Teresa Improta

Catanzaro, liceo Siciliani: si va verso conclusione rapida dei lavori

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content