Concussione ad imprenditore, arrestati due carabinieri

“In esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Palmi, su richiesta della Procura della Repubblica, sono stati sottoposti alla misura della custodia in carcere due sovrintendenti in servizio a Vibo Valentia, il Vice Brigadiere Armando Palummo e il Vice Brigadiere Mirco Carafa”.

Le indagini, coordinate dal Procuratore della Repubblica Ottavio Sferlazza e dal Sostituto Procuratore Enrico Barbieri, svolte anche mediante attività tecniche, hanno consentito in poco tempo di raccogliere a carico dei due militari gravi indizi di colpevolezza in ordine al loro coinvolgimento in un episodio di concussione ai danni di un imprenditore operante nel settore del fitness.

Le indagini, coordinate dal Procuratore della Repubblica Ottavio Sferlazza e dal Sostituto Procuratore Enrico Barbieri, svolte anche mediante attività tecniche, hanno consentito in poco tempo di raccogliere a carico dei due militari gravi indizi di colpevolezza in ordine al loro coinvolgimento in un episodio di concussione ai danni di un imprenditore operante nel settore del fitness.

L’attività d’indagine, avviata a seguito della denuncia sporta dall’imprenditore, ha permesso ai Carabinieri del Gruppo di Gioia Tauro di accertare che i due militari, in concorso tra loro e liberi dal servizio, abusando della qualità di appartenenti all’Arma dei Carabinieri nota al denunciante, hanno costretto l’imprenditore a versare una somma di denaro, pari a 1000 euro, per “comprare” il silenzio di una terza persona, asseritamente pronta a rilasciare dichiarazioni accusatorie sul conto dell’imprenditore, lasciando intendere, in maniera anche esplicita, che il mancato pagamento avrebbe comportato la sua rovina.

In virtù delle risultanze investigative dei Carabinieri di Gioia Tauro, il 18 febbraio scorso Palummo è stato arrestato in flagranza di reato, poiché sorpreso mentre usciva dall’esercizio commerciale della vittima con addosso la somma di 1000 euro, ricevuta poco prima dall’imprenditore.

Il 22 febbraio successivo, all’esito dell’udienza di convalida, il Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Palmi, concordando pienamente con la richiesta avanzata dalla Procura palmese, ha convalidato l’arresto e ha disposto l’applicazione della custodia cautelare in carcere nei confronti dei due militari i quali, a formalità di rito espletate, sono stati associati rispettivamente presso le Case Circondariali di Reggio Calabria-Arghillà e Vibo Valentia, con l’accusa di concussione in concorso.

La vicenda ha quindi permesso di assicurare alla giustizia due appartenenti all’Arma dei Carabinieri rivelatisi totalmente infedeli, la cui condotta è risultata antitetica rispetto ai valori che, da sempre, connotano l’Istituzione d’appartenenza”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il giovane Matteo ha salvato la vita a un pensionato di 65 anni colto da infarto mentre coltivava il suo orto. Il plauso del governatore
Cina, Lettonia e Svezia sono alcuni dei Paesi che ospitano i ragazzi provenienti dalla Calabria. Gen-Z, a Bologna, ha scelto Granato e Corsello tra gli artisti chiamati a esporre
Il faro degli inquirenti è stato acceso su vicende di narcotraffico internazionale e riciclaggio dei proventi in attività commerciali in Germania
L’incidente è avvenuto su un tratto urbano della statale 106 jonica. Il conducente non si sarebbe accorto della segnalazione che dava indicazioni di rallentare
L'assessore regionale al lavoro: "La Calabria deve investire su giovani e imprese e lo potrà fare solo ascoltando le esigenze imprenditoriali"
Il tecnico toscano, che ha allenato varie squadre tra cui Empoli, Parma e Lecce, ha firmato un contratto fino a giugno
La canzone intitolata "Il Canto del legno" sarà eseguita nelle commemorazioni del primo anniversario della tragedia in cui morirono 94 persone
“Servono ulteriori 11 miliardi per l’ammodernamento totale della ‘strada della morte’. Non consentiremo la realizzazione di lotti incompleti”
All'incontro tenutosi presso la sede dell'Università Pontificia della Santa Croce, Helga Procopio e Francesco Mancuso hanno rappresentato la città capoluogo calabrese
L'incontro è avvenuto nel Liceo Scientifico Zaleuco, dove il magistrato ha risposto alle domande dei ragazzi e ha approfondito tematiche attuali
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved