Calabria7

Condannato 72enne calabrese ritenuto il nuovo boss della ‘ndrangheta di Lecco

ndrangheta impresa

Ritenuto il nuovo boss della ‘ndrangheta lecchese Cosimo Vallelonga, calabrese 72enne, è stato condannato a 20 anni di reclusione con il rito abbreviato. Il giudice ha scelto di infliggere al pluripregiudicato, già condannato per associazione di stampo mafioso nei processi scaturiti dalle operazioni “I fiori della notte di San Vito” e “Infinito”, una pena superiore a quella richiesta dal pm. Il pensionato era stato arrestato a febbraio nel corso di un maxi blitz che aveva visto coinvolto il personale della Squadra Mobile della Questura di Lecco e i Nuclei di Polizia Economico-Finanziaria (G.I.C.O.) di Milano e di Lecco, nell’ambito di un’indagine denominata Cardine Metal Money coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Milano.

Traffico illecito di rifiuti

Diciotto i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Milano (dieci in carcere ed otto agli arresti domiciliari) per associazione di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, frode fiscale, autoriciclaggio, usura ed estorsione. Vallelonga era considerato al vertice di questa organizzazione imputato per i reati di associazione di tipo mafiosa, usura, estorsione e altri reati di tipo ambientale. La nuova indagine ha portato alla ribalta come Vallelonga non avesse mai smesso di essere, nonostante gli anni di carcere e le misure di sorveglianza speciale a cui è stato per diverso tempo sottoposto, un punto di riferimento nel panorama della ‘ndrangheta, mantenendo rapporti sia con esponenti di rilievo della ‘ndragheta calabrese ricevendo e inviando ambasciate, sia con quelli operanti in Lombardia come Giorgio Novembre e il calolziese Pierino Marchio, condannato in Oversize e padre di Vincenzo, finito in manette insieme a Vallegonga.

Il quartier generale

Sottoposto, una volta uscito dal carcere, a limitazioni alla libertà personali tra cui la sorveglianza speciale e la libertà vigilata legate alle precedenti condanne, il calabrese aveva di fatto trasformato il locale di arredamento Arredomania, situato in via Statale a Perego nello stesso stabile che ne ospita la residenza, nel quartier generale dell’organizzazione mafiosa che lo vedeva all’apice. Qui, pensando di non essere sottoposto a intercettazioni ambientali, parlava in maniera diretta ed esplicita con i suoi sodali degli affari da effettuare, impartiva ordini e dirimeva controversie anche con terze persone. Sua, sempre secondo gli inquirenti, “regia” anche nella nascita di diverse società di comodo, attribuite a prestanome che servivano per effettuare il traffico illecito di rifiuti e le false fatturazioni oltre che per occultare gli ingenti proventi illeciti conseguiti, reinvestiti anche in altri settori o prestati a imprenditori a tassi usurai. Oggi, venerdì, così come riferisce l’agenzia Agi, il gup Manuela Cannavale ha inflitto nei suoi confronti una pena più alta rispetto ai 17 anni e 2 mesi richiesti dal pm Paola Biondolillo. Insieme a Vallelonga sono stati condannati per mafia anche Vincenzo Marchio a 12 anni (il pm ne aveva chiesti 11) e il calolziese Paolo Valsecchi, ritenuto il braccio destro del boss, a 8 anni, sei mesi e 20 giorni (il pm aveva chiesto 10 anni e 8 mesi). Dei restanti 15 destinatari della misura cautelare eseguita a febbraio 2021, sette – riporta l’Agi – sono stati condannati a piene più lievi in abbreviato mentre gli altri otto hanno patteggiato. Un risarcimento di cinque mila euro è stato infine riconosciuto a WikiMafia, unica parte civile costituitasi al processo e rappresentata dall’avvocato Marco Griguolo.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Istruzione, il ministro Bianchi incontra gli assessori regionali: “La sicurezza deve essere priorità”

bruno mirante

Coronavirus in Italia, 7.925 nuovi casi e 329 morti

Giovanni Bevacqua

Incredibile scoperta a Pompei, ritrovati due corpi intatti

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content