Calabria7

Confedilizia: “Grazie a cedolare secca, dimezzata evasione negli affitti”

confedilizia

Per effetto dell’introduzione della cedolare secca, l’evasione tributaria negli affitti si è ridotta – dal 2012 al 2017 – del 50,45 per cento. Il dato è certificato dal “Rapporto sui risultati conseguiti in materia di misure di contrasto all’evasione fiscale e contributiva” allegato alla nota di aggiornamento del Def, che calcola il tax gap nei diversi tributi. «Si tratta – ha dichiarato il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa – di una nuova conferma dell’efficacia di un regime di tassazione che si contraddistingue per equità e semplicità. Ora auspichiamo che Parlamento e Governo intervengano per estendere e rendere strutturale una misura che ha dimostrato di funzionare sotto ogni punto di vista».

A sua volta, Sandro Scoppa, presidente di Confedilizia Calabria, ha evidenziato come: «Ai dati relativi alla riduzione dell’evasione tributaria sugli affitti possono essere aggiunti quelli sui positivi risultati ottenuti dall’intero settore delle locazioni abitative. A Catanzaro e provincia, ad esempio, l’opzione fiscale per la cedolare secca ha prodotto risultati interessanti in termini di incremento delle locazioni ad uso abitativo, per le quali emerge altresì come vi sia prevalenza nella scelta, da parte di proprietari e di inquilini dei contratti concordati, ovverosia delle tipologie che possono essere perfezionati nell’ambito degli Accordi Territoriali per la Città capoluogo e per tutti i comuni della provincia di Catanzaro, in luogo della diversa tipologia dei contratti liberi.

Dai dati dell’Agenzia delle Entrate emerge che nella Direzione Provinciale di Catanzaro sono stati registrati nel 2018 n. 1022 contratti di locazione a canone concordato, di cui 990 con adesione a cedolare secca (10%) presente, mentre nel 2019, sino al 15 settembre, il numero dei contratti registrati è pari a 586, di cui 573 con cedolare secca presente». Com’è noto, i contratti concordati di locazione possono essere perfezionati per esigente abitative ordinarie (3+2, ovverosia cioè durata triennale con possibilità di rinnovo per altri due anni), per esigenze transitorie (sino a 18 mesi) e per le esigenze degli studenti universitari (con durata da sei mesi a tre anni). Ai fini fiscali, per detti contratti, è invece prevista la possibilità di optare per il regime fiscale della “cedolare secca” (al 10%), la quale sostituisce l’Irpef e le relative addizionali comunali e regionali da pagare sui canoni di locazione, insieme all’imposta di bollo e a quella di registro.

L’ulteriore beneficio è dato da uno sconto del 25% su Imu e Tasi, il quale comporta che i proprietari dovranno versare solo il 75% dell’imposta, a prescindere dell’aliquota decisa dal Comune. Molto importante è sottolineare che l’assistenza alla stipula delle OO.SS. della proprietà, come Confedilizia, che è l’organizzazione storica e rappresentativa della proprietà immobiliare, e dell’inquilinato, oppure l’attestazione di rispondenza giuridica ed economica rilasciata dalle stesse associazioni costituisca una condizione indispensabile per il riconoscimento delle indicate agevolazioni tributarie. Per maggiori informazioni gli interessati possono rivolgersi a Confedilizia Catanzaro (www.confediliziacz.it)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Tirocinanti Miur Regione: “La nostra dignità non deve essere lesa”

Matteo Brancati

Catanzaro, Chirillo (Confesercenti): “Nuova recessione, dramma per il Sud”

Mirko

Ocm Vino: erogati circa quattro milioni di euro

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content