Consolato Campolo non fu avvelenato. “Morì per un infarto acuto”

consolato campolo

L’ex capo del settore contabile dell’Asp di Reggio Calabria Consolato Campolo non è stato avvelenato. Le cause della morte “sono ascrivibili ad un infarto miocardico acuto. Gli esami tossicologici hanno escluso eventuali tracce o altri elementi che possano far ritenere l’intervento di fattori esogeni nel determinismo causale della morte stessa”.

Con queste motivazioni, nei giorni scorsi la Procura della Repubblica di Reggio Calabria, guidata da Giovanni Bombardieri, ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta sul decesso, avvenuto il 26 settembre 2018, del soggetto attuatore per il risanamento dell’Azienda sanitaria provinciale. Nella richiesta, firmata dal procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni e dal pm Paolo Petrolo, quindi, si esclude l’ipotesi dell’avvelenamento.

Con queste motivazioni, nei giorni scorsi la Procura della Repubblica di Reggio Calabria, guidata da Giovanni Bombardieri, ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta sul decesso, avvenuto il 26 settembre 2018, del soggetto attuatore per il risanamento dell’Azienda sanitaria provinciale. Nella richiesta, firmata dal procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni e dal pm Paolo Petrolo, quindi, si esclude l’ipotesi dell’avvelenamento.

“Dal riscontro anatomo-patologico”, piuttosto, è emerso un quadro di “coronaropatia definito evidente e severo” che non ha lasciato scampo a Consolato Campolo, “affetto da cardiopatia ateromasica ed ischemica cronica”. “Alla luce delle risultanze degli accertamenti tecnici in ordine alla causa della morte, – scrivono infine i pm – anche la circostanza riferita in querela in ordine alla telefonata ricevuta in data 26 settembre 2018 in cui si sentiva una marcia funebre non assume alcuna valenza penalmente rilevante e non può certamente essere messa in relazione ad una responsabilità di terzi soggetti nella morte” dell’esperto contabile.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Migliaia di persone in piazza con l'obiettivo è di bloccare il progetto fortemente sponsorizzato dalla Lega e dal governo di centrodestra
Mamma di una bambina, racconta di essere stata licenziata nel 2022 per "riduzione del personale". Il tribunale le ha dato ragione, ma i soldi non sono ancora arrivati
I consiglieri comunali d Giuseppe Dell'Aquila e Antonio Pace chiedono al sindaco Sergio Ferrari di precisare aspetti fondamentali
Il sindaco Pellegrino: "Un atto gravissimo che colpisce un professionista e un amministratore integerrimo"
Inutili i soccorsi dell’equipe sanitaria, intervenuta con l'elisoccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Il cane è stato sequestrato
"Non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti"
Presente anche una folta delegazione di abitanti di Punta Faro in Sicilia e Cannitello a Villa San Giovanni, le aree che saranno espropriate
Progetto “Squadra Mobile”. Operazione di contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
La presidente Nunzia Paese, nominerà l’avvocato nella Cabina di regia regionale con l’obiettivo di dare forza al programma del partito
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved