Calabria7

Controlli a tappeto nel Reggino: 5 arresti e 8 denunce

Carabinieri Tropea

Boom di controlli nella piana di Gioia Tauro da parte dei Carabinieri, arrestate 5 persone.

Durante le operazioni sono state deferite in stato di libertà altre 8 persone ed elevate sanzioni amministrative al Codice della strada per oltre 15 mila euro. L’azione congiunta dei militari su tutto il territorio della piana di Gioia Tauro ha permesso, nel corso del fine settimana, di raggiungere elevati risultati operativi che si inseriscono in una più ampia strategia di contrasto alla criminalità predatoria in chiave preventiva e repressiva disposta dal Comando Provinciale Carabinieri su tutta la provincia reggina.

Nel corso del servizio, che ha visto impiegate oltre 100 pattuglie dell’Arma, i carabinieri della stazione di Gioia Tauro hanno arrestato, il 42enne gioiese Massimo Bevilacqua accusato di evasione poiché è stato sorpreso fuori dalla sua abitazione sita all’interno del quartiere Ciambra ove stava scontando una pena per il reato di furto. Nella giornata di sabato scorso, invece, sempre i Carabinieri della stazione di Gioia Tauro, assieme ai colleghi della sezione radiomobile, hanno arrestato in flagranza di reato 3 uomini: il 26enne Delfino Giovanni, il 40enne Kimakh Mounir e il 51enne Ascone Teodoro, tutti incensurati, residenti tra i comuni di Gioia Tauro e Rizziconi. In particolare i tre, sono stati sorpresi mentre, avvalendosi di una gru a ragno, stavano rubando tubi e materiale in rame per un peso totale di 5 tonnellate, ad una ditta di contrada Cicerna di Gioia Tauro, in passato adibita al recupero e riciclaggio dei materiali ferrosi.

Nel medesimo contesto operativo, a Rosarno, i militari della locale tenenza carabinieri, hanno arrestato Tripodi Rocco, 23enne, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione emesso dalla Procura di Palmi. L’uomo dovrà scontare oltre un anno di arresti domiciliare per detenzione illecita di armi clandestine per un reato commesso a Rosarno nell’aprile del 2017 quando venne arrestato in flagranza dai militari della compagnia di Gioia Tauro poiché trovato in possesso di un fucile mitragliatore in uso alle forze di polizia e 2 pistole, il tutto custodito all’interno di un secchio interrato all’interno dell’ovile di sua proprietà in Contrada Bosco. Contestualmente, sono stati incrementati i controlli alla circolazione stradale da parte degli equipaggi delle Sezioni Radiomobili delle Compagnie Carabinieri pianigiane, nel corso dei quali sono stati controllati oltre 500 veicoli ed identificati circa 800 persone. All’esito dei controlli sono state deferite in stato di libertà 8 persone ed elevate numerose sanzioni al codice della strada per un totale di circa 15 mila euro di multa.

I controlli condotti dalla radiomobile di Gioia Tauro e finalizzati all’accertamento delle condotte per guida in stato di ebbrezza mediante alcol test, hanno consentito di deferire all’autorità giudiziaria palmese due persone, un 34enne e un 36enne entrambi gioiesi, sorpresi alla guida delle loro autovetture in stato di ebbrezza alcolica, con un tasso rispettivo di 1.58 e 1.40 gr/l. I carabinieri di Gioia Tauro hanno poi denunciato a piede libero due cittadini georgiani residenti a Bagnara Calabra rispettivamente di 24 e 15 anni e un terzo ragazzo reggino di 15 anni accusati di tentato furto aggravato in concorso. I giovani avevano tentato di appropriarsi di capi di vestiario per un valore complessivo di quasi 400 euro, all’interno di un noto esercizio commerciale gioiese.

Nel corso dei controlli, anche una 43enne, cittadina rumena residente a Gioia Tauro è stata deferita in stato di libertà. Quest’ultima non ha fornito, durante l’identificazione, i propri dati personali ai militari della sezione radiomobile. Anche nell’ambito del territorio di Palmi, i carabinieri della compagnia, hanno incrementato il numero di servizi esterni e controlli alla circolazione stradale, infatti i carabinieri della sezione radiomobile di Palmi hanno denunciato in stato di libertà un 27enne catanese, pregiudicato per reati contro la persona e il patrimonio, accusato di ricettazione poiché, nel tardo pomeriggio di venerdì, è stato trovato alla guida di un veicolo precedentemente asportato a Palmi. Nell’ambito del territorio di Taurianova invece, i carabinieri della stazione di Cittanova hanno svolto delle verifiche all’interno di alcuni esercizi commerciali all’esito delle quali il gestore di un centro scommesse è stato deferito in stato di libertà perché colto a trasmettere in modo fraudolento ed a scopo di lucro programmazione audiovisiva soggetta ad abbonamento, senza le necessarie autorizzazioni.

Questo rilevante risultato operativo rientra in una precisa strategia voluta dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria. Lotta ai reati di criminalità diffusa, specialmente di natura predatoria.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Consiglio regionale: dibattito su data voto, alle urne tra novembre e gennaio

Mirko

Sabbia rubata a Sibari per un cantiere a Cariati, una denuncia

manfredi

Sicurezza stradale, controlli e sanzioni a Crotone

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content