Controlli carabinieri, 20enne arrestato a Cosenza

I Carabinieri della Compagnia di Cosenza hanno arrestato un ventenne incensurato.

A seguito di alcuni controlli, i militari hanno trovato nell’abitazione del giovane un borsone nascosto in un armadio della camera da letto, con all’interno, perfettamente preservati e pronti allo spaccio, 35 grammi di hashish, suddivisi in dieci involucri trasparenti in cellophane, materiale da taglio e confezionamento della sostanza ed un bilancino di precisione.

A seguito di alcuni controlli, i militari hanno trovato nell’abitazione del giovane un borsone nascosto in un armadio della camera da letto, con all’interno, perfettamente preservati e pronti allo spaccio, 35 grammi di hashish, suddivisi in dieci involucri trasparenti in cellophane, materiale da taglio e confezionamento della sostanza ed un bilancino di precisione.

Il giovane e’ stato posto agli arresti domiciliari, come disposto dalla Procura della Repubblica di Cosenza. Altri controlli hanno portato alla segnalazione alla prefettura di Cosenza di 12 assuntori di sostanze stupefacenti.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il professionista replica alle accuse e tira dritto: "E' falso, presenterò 200 firme di miei pazienti che confermano la mia competenza"
Da venerdì della scorsa settimana il guasto ha causato diversi disagi e nonostante i solleciti dell’Aned non è stato ancora riparato
Pubbliredazionale
Il pizzaiolo di “Mordì” nel quartiere Pontepiccolo a Catanzaro ha fatto incetta di premi nella prestigiosa competizione
Nel concerto di Lamezia Terme i tre musicisti proporranno le composizioni di tre autori distanti nel tempo
Il ricordo del premio Nobel a 110 anni dalla nascita nelle parole del sindaco della sua città e del ministro della Salute
La pena più alta è stata invocata per Leonardo Sacco. Si tratta dell'appello bis dopo gli annullamenti con rinvio della Cassazione
scolacium
"Dietro le intimidazioni del professionista le famiglie di 'ndrangheta dei Bruno, dei Catarisano, dei Procopio e dei Tolone"
Le sue condizioni si sono rapidamente aggravate dopo le dimissioni ed è arrivato in ospedale in arresto cardiaco
Il ministro Valditara parla di decisione presa "sia per questioni didattiche sia perché spesso l'utilizzo improprio è elemento di tensione"
"Dateci la possibilità di riunirci con le nostre famiglie - dice il 41enne siriano - per aiutarci a superare questa sofferenza"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved