Calabria7

Controlli in materia di green pass, multato un centro scommesse a Catanzaro

obbligo green pass

Proseguono i controlli da parte dei carabinieri dei Nas sul rispetto dell’obbligo del green pass per l’accesso a determinate categorie di attività e servizi, rivolgendo particolare attenzione verso i settori ritenuti a maggior livello di rischio per possibili inosservanze.

Multato il titolare di una sala scommesse di Catanzaro

Tra gli interventi, i Nas di Catanzaro hanno multato il titolare di una sala scommesse di Catanzaro per non avere verificato il possesso di green pass dei presenti nel locale. Nel corso del controllo due clienti sono risultati privi di certificazione.

Ispezionate oltre 8 mila attività ed esercizi

Dall’entrata in vigore della normativa, sono state ispezionate oltre 8 mila attività ed esercizi, contestando 433 violazioni all’obbligo del green pass, delle quali 236 ai titolari di attività commerciali e di erogazione di servizi oggetto di obbligo di certificazione Covid, come ristoranti, bar, palestre, sale scommesse e mezzi di trasporto, ritenuti responsabili di omessa verifica del green pass. Ulteriori 197 sanzioni sono state invece applicate nei confronti dei clienti e utenti per mancato possesso del certificato.

Gli esiti delle ispezioni dei Nas evidenziano che 247 sanzioni sono riconducibili a strutture di somministrazione di alimenti e bevande, quali ristoranti, pizzerie e bar, 80 sono relative a palestre, piscine e centri benessere, 81 presso sale scommesse, sale gioco e attività ricreative, mentre 25 nell’ambito dei servizi di trasporto a lunga percorrenza, per un valore complessivo di oltre 135 mila euro di sanzioni amministrative.

Denunciati anche 2 medici

Nel contesto dei controlli sono stati anche denunciati due medici ritenuti responsabili di avere redatto falsi certificati utilizzati in seguito da propri pazienti per richiedere l’emissione del green pass. Nel corso dei controlli, gli interventi dei Nas hanno riguardato anche la corretta applicazione delle restanti misure di contenimento alla diffusione epidemica, contestando ulteriori 251 violazioni dovute all’inosservanza circa le operazioni di sanificazione dei mezzi, la presenza di dispenser per l’igienizzazione delle mani, l’uso delle mascherine, le informazioni agli utenti sulle norme di comportamento e di distanziamento. Sono stati emessi anche provvedimenti di chiusura temporanea da uno a cinque giorni nei confronti di 14 attività.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ponte sul fiume Allaro, entro novembre il collaudo

Giovanni Bevacqua

Sfondano con auto saracinesca tabaccheria e svuotano slot machine

Mirko

Ferrovie della Calabria: nuova gestione, vecchie logiche

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content