Coronavirus, caso sospetto in Calabria: era già in quarantena

Coronavirus gizzeria

Non desta alcuna preoccupazione al momento il caso positivo al Coronavirus registrato ieri dopo l’analisi effettuata tramite tampone, che dopo l’esito riscontrato a Cosenza è stato spedito a Roma affinché si abbia conferma dall’Istituto nazionale della Sanità.

Il primo caso di sospetto contagio in Calabria, risultato positivo al primo test, è un uomo di 69 anni, di Cetraro. E’ partito il 23 febbraio dal lodigiano, in autobus, ma dopo le notizie e i provvedimenti assunti dal Governo nazionale, l’uomo, in viaggio assieme alla moglie, ha seguito le indicazioni relative alle misure da adottare per evitare rischi. Giunti in Calabria, in contatto con le autorità e con l’ospedale di Cetraro, dove l’uomo deve essere sottoposto alla dialisi, è stato effettuato il tampone, anche se non c’erano sintomi di nessun tipo sulla coppia. L’uomo è risultato positivo, ma è asintomatico e, soprattutto, si era messo autonomamente con la moglie in quarantena domiciliare. Tutte queste condizioni, evidentemente, riducono di molto la possibilità che ci sia stato ulteriore contagio. Per sicurezza, secondo procedura, i viaggiatori dell’autobus sono stati messi in quarantena e sono monitorati (a.m.).

Il primo caso di sospetto contagio in Calabria, risultato positivo al primo test, è un uomo di 69 anni, di Cetraro. E’ partito il 23 febbraio dal lodigiano, in autobus, ma dopo le notizie e i provvedimenti assunti dal Governo nazionale, l’uomo, in viaggio assieme alla moglie, ha seguito le indicazioni relative alle misure da adottare per evitare rischi. Giunti in Calabria, in contatto con le autorità e con l’ospedale di Cetraro, dove l’uomo deve essere sottoposto alla dialisi, è stato effettuato il tampone, anche se non c’erano sintomi di nessun tipo sulla coppia. L’uomo è risultato positivo, ma è asintomatico e, soprattutto, si era messo autonomamente con la moglie in quarantena domiciliare. Tutte queste condizioni, evidentemente, riducono di molto la possibilità che ci sia stato ulteriore contagio. Per sicurezza, secondo procedura, i viaggiatori dell’autobus sono stati messi in quarantena e sono monitorati (a.m.).

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
I giudici si sono soffermati sul fatto che il reato contestato sia stato quello di detenzione e non di cessione di sostanze stupefacenti
"La vedetta era all’interno del porto di Crotone". Presunte anomalie nel giornale di bordo della motovedetta
Dalle indagini effettuate, i depositi di rifiuti sono risultati asserviti ad una nota concessionaria della zona
Tra gli indagati anche i responsabili della "Pollino rafting" e sette guide della stessa società
Casella è "orgoglioso e consapevole di assumere una grande responsabilità per la direzione di "un comando organizzato e performante"
Rispetto ai fermi notificati agli interessati dalla Dda il giorno del blitz, per tre di questi il magistrato ha rigettato la richiesta di misura
"Vogliamo essere una Regione attrattiva per 365 giorni l’anno e vogliamo che i turisti che vengono in Calabria siamo il nostro sponsor”
Il sindaco: "La prima previsione è di realizzare almeno 100 posti in un’area di 3000 metri quadri con lavori di recupero urbano e ambientale"
L'indagato è stato trovato in possesso di oltre 100 video a carattere pedopornografico, ritraenti minori e diffusi su social network
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved