Calabria7

Coronavirus, Comune Morano dona ventilatore polmonare ad Ospedale Castrovillari

coronavirus

Atto di aiuto tangibile e rapido al sistema sanitario regionale da parte del Comune di Morano.

Quanto annunciato nei giorni scorsi a seguito della rinuncia volontaria degli amministratori – del sindaco Nicolò De Bartolo, del suo vicario Pasquale Maradei, degli assessori Mariagrazia Verbicaro, Sonia Cozza e Francesco Soave – all’indennità di funzione da aprile a dicembre 2020, decisione approvata nella riunione telematica di Giunta n° 21 del 27 marzo scorso, tenuta nel rispetto delle normative in materia di contenimento e gestione del contagio da Covid-19, riguardante l’acquisto di un ventilatore polmonare alla Pneumologia dell’ospedale di Castrovillari, si è concretizzato nella mattinata di oggi con l’effettiva consegna dello strumento al dr. Nicola Schifino, responsabile del reparto.

La delicata e costosa apparecchiatura, del tutto compatibile con le competenze del personale medico e infermieristico in servizio presso la pneumologia del Ferrari, è immediatamente utilizzabile e giunge in un momento di grave stress del nosocomio del Pollino, come, in generale, di tutte le strutture nosocomiali della Calabria. La macchina potrà offrire supporto ai pazienti che a causa di specifiche patologie non sono in grado di respirare autonomamente. Un intervento altruistico, che, in sostanza, può salvare vite umane. «Lo avevamo già dichiarato e lo confermiamo in questa contingenza: il nostro è un piccolo segnale di partecipazione al dolore della società civile» afferma il primo cittadino Nicolò De Bartolo a nome dell’esecutivo e dei suoi più stretti collaboratori.

«Siamo contenti d’essere riusciti in sole due settimane a mantenere la nostra promessa di regalare un ventilatore polmonare a un reparto che più di altri ne ha bisogno.

Ed è appagante sapere che con un piccolo sacrificio si può essere vicini al Prossimo e rappresentare una speranza per quanti, anche a motivo delle carenze del nostro sistema sanitario, da oltre vent’anni oggetto di tagli inaccettabili, rischia di non farcela. Stamattina, quando abbiamo affidato al dr Schifino l’attrezzatura completa, abbiamo intimamente gioito nel sapere che la medesima sarebbe entrata velocemente in attività e che grazie alle conoscenze tecniche del personale avrebbe soccorso sin da subito gli infermi. Stiamo provando con i pochi mezzi di cui disponiamo a fare la nostra parte con passione e determinazione in un periodo difficile, che nessuno avrebbe mai voluto vivere. Continuiamo in scienza e coscienza a tutelare con ogni mezzo, sanitario, economico e sociale, la comunità e il territorio.

Crediamo» conclude il Sindaco «di aver dato sinora il massimo e siamo pronti a rispondere a qualsiasi ulteriore evenienza si presentasse; studiando percorsi, iniziative e azioni realmente perseguibili e fattibili. Lasciamo ad altri le vetrine, il protagonismo di bassa lega e la dialettica strumentale. Sia consentito, infine, ricordare a tutti di osservare le regole in vigore, e di rimanere a casa: è l’unica vera arma per battere il Coronavirus».

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Villa Torano, a Report il caso Belcastro-Parente: legali scrivono lettera

manfredi

Mark Caltagirone votato a Castrolibero – Tutti i dati delle europee nel cosentino

manfredi

Coronavirus: teste proveniente da Lodi, processo sospeso in Calabria

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content