Calabria7

Coronavirus, cosa fare per avere gli aiuti economici

coronavirus aiuti economici

L’Inps ha pubblicato le istruzioni per chiedere bonus e aiuti economici decisi dal governo per limitare l’impatto economico delle misure anti-coronavirus. Ecco una guida con i punti principali

Bonus e sussidi decisi dal governo il 17 marzo col decreto Cura Italia diventano operativi. Si tratta di misure economiche, per un totale di 9,6 miliardi di euro, a favore di famiglie, imprese e lavoratori, che stanno pagando il costo dell’epidemia di coronavirus. Il governo prevede che i primi soldi arriveranno a metà aprile.

Cassa integrazione e indennizzo partite IVA

Per quanto riguarda la cassa integrazione, compresa quella estesa alle aziende che normalmente non possono utilizzarla (anche per chi ha un solo dipendente), si può già presentare la richiesta. La domanda spetta alle imprese, ma la procedura richiede più passaggi (sono coinvolte le Regioni). Per permettere il prima possibile a impiegati e operai di ricevere i soldi, si va verso una procedura che permette alle banche di mettere nel conto corrente dei beneficiari i denari (80% della retribuzione con tetto a 1.196 euro lordi al mese), per poi farsi rimborsare dallo Stato.

Dal 1° aprile si potrà compilare online, sul sito dell’Inps e con un accesso semplificato, la domanda per avere i 600 euro che spettano ai lavoratori autonomi. Si tratta dell’indennizzo una tantum a cui possono accedere Co.co.co. stagionali, lavoratori dello spettacolo e professionisti. Quest’ultimi, però, se appartengono a un Ordine o a una Cassa privata, devono rivolgersi al loro Istituto previdenziale. In tutti i casi è il diretto interessato che si deve attivare. Qui le istruzioni dell’Inps.

Bonus baby sitting

Anche per il bonus baby sitting il primo giorno utile per la domanda, da fare sempre sul sito dell’Inps, è il primo aprile. Si tratta al massimo di 600 euro (fino a 1.000 solo per il personale sanitario), per le famiglie che hanno figli con non più di 12 anni. Riguarda sia i dipendenti, sia i lavoratori autonomi, ed è alternativo al congedo, che invece va chiesto alla propria impresa (tranne per i lavoratori autonomi che si devono rivolgere all’Inps) e che dà diritto alla metà dello stipendio. Qui le istruzioni dell’Inps per il baby sitting.

Sospensione mutuo ed emergenze alimentari

Pubblicato il nuovo modulo semplificato per presentare la domanda di sospensione del mutuo della prima casa. Potrà essere compilato direttamente online e inviato secondo le modalità indicate da ciascuna banca. Permette ai lavoratori in difficoltà (dipendenti e autonomi) di posticipare il pagamento delle rate per diversi mesi. Qui il modulo per la domanda e le istruzioni del Ministero dell’Economia. L’Esecutivo ha annunciato finanziamenti per l’emergenza alimentare. Entro il 31 marzo i Comuni dovrebbero ricevere i 400 milioni da utilizzare per i bonus per la spesa. Saranno i sindaci a stabilire a chi spetta, tenendo conto dei più bisognosi. Dovrebbe trattarsi, in media, di 400 euro a famiglia.Tempi più incerti, invece, per il cosiddetto reddito d’emergenza: l’idea è di dare 600 euro a quei lavoratori precari (colf, badanti, contratti a termine non rinnovati) che a causa dell’epidemia hanno perso l’occupazione e che non beneficiano di alcun sussidio.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Reggio città metropolitana, firmato contratto decentrato dipendenti

Andrea Marino

Coronavirus, Gratteri: “Economia a rischio, mafia vuole aziende”

Andrea Marino

Coldiretti, trebbiatura grano al via in una stagione tra luci e ombre

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content