Coronavirus e Natale, si discute ancora per la zona rossa

Gli italiani sono ancora in attesa come passeranno le feste di Natale. Tra le ultime ipotesi sul tavolo del Governo c’è quella di far diventare l’Italia tutta zona rossa nei giorni festivi e prefestivi, dal 24 dicembre al 3 gennaio. Previsto per stasera un nuovo vertice tra il premier Conte e i capi delegazione della maggioranza. Attesa anche la ministra Bellanova.

Le ipotesi

Le ipotesi

L’ipotesi è disporre regole da zona rossa il 24, 25, 26, 27, 31 dicembre e l’1, 2, 3 gennaio. Secondo alcune fonti, però, la discussione è ancora “tutta aperta” e non è escluso che la zona rossa valga anche il 6 gennaio o si introducano per l’intero periodo regole da “zona arancione”.

Spostamenti e coprifuoco

È uno dei punti cruciali delle discussioni.  Boccia ha detto che la decisione che si attende riguarda tre giorni “25, 26 dicembre e 1 gennaio”. Nei giorni scorsi si è parlato di possibili allentamenti tra piccoli comuni limitrofi, magari consentendo di muoversi nel raggio di 30 chilometri dal proprio comune, ma ancora non c’è una decisione. C’è chi parla di equità tra cittadini.

Inasprire il coprifuoco in Italia andrebbe contro alle decisioni prese per dare ossigeno ai negozi. I rigoristi premono per allungarlo alle 20, almeno nei giorni caldi delle feste. Si dovesse optare per la zona rossa, con la chiusura dei negozi, il tema coprifuoco passerebbe in secondo piano.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
E' stata avvistata a poca distanza dalle coste di Briatico, l’esemplare era in evidente stato di difficoltà
Vincitore del primo premio e di tutti i premi speciali in alcuni dei più prestigiosi concorsi internazionali per pianoforte
Datisi alla fuga, i malviventi hanno effettuato dei prelievi in due distinti uffici postali di Crotone per un totale di 850 euro
Il cancro del colon-retto rappresenta in Italia la terza neoplasia negli uomini e la seconda nelle donne.
Il governatore sottolinea l'importanza delle risorse ottenute in seguito all'accordo con il Ministero dell'Ambiente
In evidente stato di shock è stata affidata ai sanitari del Suem118 e trasportata in ospedale per accertamenti
L’attività di monitoraggio è andata avanti per tutta la notte e ancora in queste ore le strutture sul territorio sono allertate e pronte ad intervenire
Al convegno è intervenuto anche il procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, che ha parlato del ruolo egemone della ‘ndrangheta nel narcotraffico
L’ipotesi più accreditata al momento è che sia stata colpita per errore dal proiettile. La donna è morta questa mattina in ospedale
Si cerca una soluzione rapida ed efficace della problematica. Al vertice in Prefettura parteciperanno Comune, Regione e Corap
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved