Calabria7

Coronavirus e scuola, sui bus distanziamento di un metro

Servizio trasporto scolastico

Restano fermi gli attuali criteri di distanziamento all’interno dei mezzi di trasporto: il CTS ha chiarito che non concederà alcuna deroga al metro, anche con obbligo di mascherina.

Questo quanto emerso, da quanto si apprende, nella riunione avvenuta oggi sul trasporto pubblico locale, presenti anche le Regioni, in vista della riapertura della scuola. Le due soluzioni tecniche sulle quali lavorare sono l’utilizzo di separatori sui mezzi del TPL e la differenziazione degli orari scolastici.

Per quanto riguarda i separatori – spiega l’assessore Fulvio Bonavitacola, che coordina gli assessori regionali ai trasporti – il Ministero delle infrastrutture ha fatto presente di aver già predisposto una bozza di circolare per la messa in opera di distanziatori nei mezzi di trasporto extra-urbano e nei treni locali. Tuttavia, deve ancora essere individuato il materiale idoneo e la certificazione sanitaria finale. Questa soluzione, che non potrà essere disponibile a breve, non potrà applicarsi però al trasporto urbano (metro e bus).

Riguardo la questione dell’orario differenziato – fa sapere l’assessore – , è stato ribadito che è rimessa del tutto all’autonomia degli istituti scolastici e alle decisioni nell’ambito dei tavoli regionali e provinciali. Non c’è un’indicazione nazionale. Entro questa settimana si potrà fare un quadro delle decisioni prese nell’ambito dei tavoli. Le Regioni hanno fatto presente che il mero scaglionamento degli orari, soprattutto per quanto riguarda l’extraurbano, non può essere la soluzione, vista l’impossibilità di adeguare i servizi (sia in termini di mezzi, sia di personale) in così poco tempo.

Le Regioni ricordano che da tempo avevano sollecitato una regia nazionale a questo riguardo. Anche riguardo l’utilizzo di NCC e bus turistici, è stato segnalato che in molte Regioni già si fa ricorso al trasporto non di linea, semmai c’è l’esigenza di accelerare le procedure di affidamento, ma ciò non ha risolto il problema: il mercato di questi mezzi non è illimitato – prosegue Bonavitacola – Infine, le Regioni hanno sollevato un problema di risorse per eventuali servizi aggiuntivi, visto che le risorse del Fondo straordinario ex art. 200 DL rilancio, aumentate di 400 milioni dal DL 104/2020, sono destinate a coprire i mancati introiti delle aziende e possono essere utilizzate per intero solo nel 2021.

Il MIT ha avanzato la possibilità di un intervento normativo per facilitare una soluzione, soprattutto con riferimento all’affidamento diretto. Riguardo altre possibili soluzioni alternative, INAIL e ISS hanno evidenziato che miglioramenti della ventilazione nei mezzi pubblici sono possibili e allo studio. Una nuova riunione del tavolo si terrà entro questa settimana.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Variante Delta, aumentano i contagi in Europa: ecco le zone rosse

Maria Teresa Improta

Coronavirus in Italia, oltre 23mila nuovi casi e 501 morti nelle ultime 24 ore

bruno mirante

Coronavirus, quarto caso positivo registrato a Soverato (VIDEO)

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content