Calabria7

Coronavirus, Flora Sculco: “L’emergenza sta diventando anche economica”

sculco cassa integrazione

“Stiamo vivendo una crisi sanitaria inimmaginabile fino a qualche settimana fa, che, giorno dopo giorno, si sta trasformando anche in emergenza sociale ed economica.”

Così, in una nota, l’Onorevole Flora Sculco. “Oggi, finalmente, arrivano i primi dati che aprono spiragli di speranza, dati che non ci devono indurre ad abbassare la guardia ma che ci spronano, già da ora, a pensare al futuro. Dobbiamo farlo tutti con grande senso di responsabilità e senza eccezione alcuna. Lo sta facendo il Governo che ha messo sul tavolo una manovra di portata storica: 400 miliardi di euro a sostegno dell’economia del paese, duecento per le aziende della filiera nazionale e duecento per quelle imprese italiane che operano ed affrontano giornalmente la sfida dei mercati internazionali. C’ è di più. Il Governo Conte ha, inoltre, rafforzato la normativa che fa da scudo e da protezione alle aziende italiane per evitare scalate di capitali stranieri, sopratutto in quei settori ritenuti strategici.

Ora attendiamo che l’Europa, ben oltre e molto di più dei 100 miliardi di euro per la CIG e i 220 della BCE, faccia la propria parte validamente anche per evitare la sua più completa dissoluzione, mettendo in campo strumenti potenti, innovativi e solidaristici in grado di avviare una poderosa rinascita economica e sociale dell’intera Europa messa in ginocchio dall’emergenza pandemica . Quello che, però, bisogna evitare è che gli annunci e le decisioni restino pronunciati e non attuati, che restino sempre “fermi al palo”, sempre in istruttoria e mai tramutarsi in risposte veloci ed efficaci per come e richiesto dalla drammaticità della situazione. Se così sarà nei prossimi giorni si potrà avere a disposizione una serie importante di strumenti e di opportunità che potranno consentire di rilanciare il ruolo dell’imprenditoria italiana in patria e nel mondo. Tutto questo serve, e dovrà principalmente servire, per difendere e tutelare il lavoro fortemente compromesso e messo in difficoltà dalla vicenda del Coronavirus e il blocco di quasi tutte le attività economiche sull’intero territorio nazionale.

Tutto questo, però, non basta! Non possiamo immaginare che tutto ritorni esattamente come prima con una Italia a doppia velocità, separata e divisa e lasciando ancora una volta esclusi dalla rinascita economica e produttiva dell’Italia il Sud e la forza lavoro del Mezzogiorno, In questa fase, dunque, c’è un duplice compito e due obiettivi da perseguire: tutelare il lavoro minacciato dalla drammatica crisi che stiamo vivendo e creare nuova occupazione per i tanti, troppi, disoccupati che affollano il mercato del lavoro soprattutto nel Mezzogiorno D’Italia. Abbiamo una grande opportunità: ricostruire l’Italia su nuove basi, ripartire con un nuovo modello di sviluppo e di sistema Paese, non più diviso ma uno e indivisibile per fare ancora più grande e più forte l’Italia in Europa e nel mondo.

In questo contesto, in questa situazione di forti e radicali cambiamenti ci si presenta una opportunità che potremmo definire storica e probabilmente irripetibile non solo per l’Italia e per l’Europa intera ma anche e soprattutto e finalmente per il Mezzogiorno. Ma per rendere possibile questa prospettiva non sarà solo l’economia a dover cambiare, ma ciò che deve fare un radicale e sostanziale passo in avanti è soprattutto e in primo luogo proprio la politica. Non possiamo più permetterci una politica che si è ormai trasformata in continua rissa, in un costante e giornaliero dileggio che mira soltanto all’offesa dell’avversario. Non possiamo più permetterci una politica falsa, “parolaia” ed incompetente, basata solo sulle parole d’ordine e sugli slogan e non, invece, sul merito e sul confronto. Abbiamo bisogno di una nuova politica, più moderata nei toni, più aperta al dialogo e al confronto, ma soprattutto più responsabile e consapevole.

Questa occasione richiede un nostro impegno “straordinario” a cui non possiamo e non vogliamo venire meno. Per non fallire nuovamente, tutti noi siamo chiamati a fare squadra e “non solitudine”. La nostra comunità ha già vissuto un momento simile, quando ha costruito il “Patto per Crotone”, un patto di sviluppo che coinvolge il capoluogo e tutto il suo sistema territoriale, che abbiamo elaborato, condiviso e sottoscritto con le istituzioni locali, le organizzazioni sociali e tutte le rappresentanze di interessi presenti nella nostra provincia. In quella circostanza, non solo abbiamo saputo fare “alleanza” ma abbiamo messo in campo un vero e proprio gioco di squadra. Oggi dobbiamo riprendere quello stile e quello spirito, ammainando le bandiere che ci dividono e issando, invece, quelle che ci uniscono.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Regionali, Nesci: “Risultati straordinari ed inequivocabili”

Mirko

“Sanità, il consiglio regionale corre ai ripari con trucco da bisca”

Carmen Mirarchi

Sanità, Davi gira filmato dai contenuti forti all’ospedale Locri

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content