Calabria7

Coronavirus, gli anestesisti: “Crisi in 15 giorni, verso raddoppio ricoveri in terapia intensiva”

ospedale milano

Sale la pressione sul governo perché adotti ulteriori misure restrittive per fronteggiare la seconda ondata del Coronavirus. Oggi l’appello sale forte da 100 scienziati che hanno scritto una lettera aperta al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al presidente del consiglio Giuseppe Conte chiedendo “misure drastiche in 2-3 giorni” per evitare che si arrivi a centinaia di decessi al giorno. E’ questo l’appello lanciato oggi da oltre cento scienziati. “Come scienziati, ricercatori, professori universitari riteniamo doveroso ed urgente esprimere la nostra più viva preoccupazione in merito alla fase attuale di diffusione della pandemia da Covid-19”, scrivono i ricercatori, riferendosi alle stime diffuse dal fisico Giorgio Parisi, secondo le quali il raddoppio nei decessi che si sta osservando ogni settimana potrebbe portare in breve a 400-500 morti al giorno.

Nelle stesse ore arriva anche il grido d’allarme degli anestesisti. “Temiamo un raddoppio dei ricoveri in terapia intensiva entro 15 giorni, se la curva dei contagi manterrà l’attuale andamento e nell’attesa di vedere gli effetti delle misure dell’ultimo dpcm: quello sarà il punto di rottura ed il momento in cui entreremo in crisi perchè la dotazione organica disponibile di anestesisti-rianimatori non sarà sufficiente a fare fronte all’emergenza”. Lo dice Alessandro Vergallo, presidente degli anestesisti italiani.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, aumenta il bilancio dei morti: 2 sanitari positivi a Reggio

Andrea Marino

Di Maio: “Chi sottovaluta o nega il virus guardi cosa sta accadendo in Europa”

bruno mirante

Coronavirus, il bollettino dell’ospedale Pugliese: altri 40 positivi nel Catanzarese

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content