Calabria7

Coronavirus, ipotesi riapertura in aree dove la diffusione del virus è minore

zona rossa italia

Riaperture differenziate per macroaree a seconda della diffusione del contagio Coronavirus, con un monitoraggio dopo 15 giorni per verificare la tenuta del contenimento e, in caso contrario, procedere a nuove chiusure.

E’ l’ipotesi, a quanto apprende l’ANSA, su cui stanno lavorando gli esperti che dovranno fornire al governo gli indirizzi generali per la fine del lockdown. Stando a questa ipotesi, l’Italia verrebbe sostanzialmente suddivisa in 3 macroaree (nord, centro e sud) in base alla diffusione del contagio. Sostanzialmente, laddove la diffusione del virus è maggiore, dovrebbero rimanere misure più stringenti, soprattutto per quanto riguarda la mobilità tra una zona e l’altra, sia all’interno delle macroaree sia tra una macroaerea e l’altra. In quelle dove invece il virus ha colpito in maniera meno importante si potrebbero prevedere riaperture più ampie. All’interno delle stesse macroaeree, inoltre, dovrebbero essere individuate ulteriori suddivisioni tra zone a maggiore e minore diffusione: al nord, per esempio, regioni come Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia, hanno una situazione diversa da Piemonte, Lombardia e Veneto.
Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Covid, dal 16 maggio stop alla quarantena per chi arriva dai Paesi dell’Unione Europea

bruno mirante

Covid, il virologo Silvestri: “Virus scappato da laboratorio? Ipotesi credibile”

Antonio Battaglia

Covid hotel in Calabria, 15 domande. I posti disponibili provincia per provincia

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content