Coronavirus, Iss: rallentano i contagi ma aumenta la letalità

coronavirus

Iss: “Non c’è nessuna zona del Paese dove il coronavirus non circoli, teniamo molto elevata la soglia delle raccomandazioni e delle restrizioni adottate”.

L’Iss conferma i dati di rallentamento dei contagi da coronavirus. Lo ha riferito il presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, nella conferenza stampa epidemiologica odierna. “Non c’è nessuna zona del Paese dove non circoli il virus”, ha aggiunto, sottolineando l’alta diffusione di Covid-19 in alcune zone. Da qui l’appello per tenere “molto elevata la soglia delle raccomandazioni e delle restrizioni adottate”. Secondo Brusaferro, “non ci sono al momento evidenze che il nuovo coronavirus circoli nell’aria. Questa via era nota in determinati contesti, come quelli sanitari, ma al momento la letteratura scientifica indica che le principali vie diffusione del virus sono quelle per droplet e per contatto”. Il presidente dell’Iss ha poi annunciato che per l’uso dei tamponi arriva una nuova circolare del ministero della Salute. Serve “intercettare i casi sul territorio”, ha detto.

L’Iss conferma i dati di rallentamento dei contagi da coronavirus. Lo ha riferito il presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, nella conferenza stampa epidemiologica odierna. “Non c’è nessuna zona del Paese dove non circoli il virus”, ha aggiunto, sottolineando l’alta diffusione di Covid-19 in alcune zone. Da qui l’appello per tenere “molto elevata la soglia delle raccomandazioni e delle restrizioni adottate”. Secondo Brusaferro, “non ci sono al momento evidenze che il nuovo coronavirus circoli nell’aria. Questa via era nota in determinati contesti, come quelli sanitari, ma al momento la letteratura scientifica indica che le principali vie diffusione del virus sono quelle per droplet e per contatto”. Il presidente dell’Iss ha poi annunciato che per l’uso dei tamponi arriva una nuova circolare del ministero della Salute. Serve “intercettare i casi sul territorio”, ha detto.

Secondo i dati diffusi il 2 aprile dalla Protezione civile in Italia sono 83.049 i malati; 13.915 i morti (+760); e 18.278 i guariti (+1.431). Il numero totale dei casi positivi è invece 115.242. Oltre un milione di casi nel mondo, i morti sono più di 53mila. Oltre 3,9 miliardi di persone, ossia metà circa della popolazione mondiale, sono costrette in casa.

Rezza: “Senza misure molte più vittime”

“Senza misure, in sei mesi avremmo avuto immunità di gregge con un grande numero di morti e feriti”, ha affermato l’epidemiologo Giovanni Rezza, capo delle Malattie infettive dell’Iss e membro del comitato tecnico scientifico della Protezione civile. “Se avessimo mollato al Sud avremmo avuto tante Codogno”, ha aggiunto, parlando poi di “moderato ottimismo” per le regioni del Sud Italia. “Se ci sarà una fase due, questa dovrà essere graduale per minimizzare il rischio di una ripresa del numero dei casi”, ha poi ribadito, riprendendo le dichiarazioni del commissario della Protezione civile Borrelli di questa mattina, che aveva ipotizzato un eventuale avvio della fase due solo se i dati lo consentiranno.

Si conferma quindi maggiore che in altri Paesi il tasso di letalità del Coronavirus in Italia. Risulta all’11,8% secondo l’ultimo aggiornamento dell’ISS. Il dato è fortemente influenzato dall’alta età, dalle condizioni cliniche, e anche dal sesso (le donne sono solo il 31,4% delle vittime). L’età media delle vittime è di 80 anni, contro i 62 anni che è l’età media dei contagiati. Quasi due deceduti su tre, per l’esattezza il 73,5%, sono over 70.

Le armi contro il Coronavirus: l’Italia sta reagendo

Sono 50 le aziende italiane autorizzate a produrre le mascherine chirurgiche con una capacità di filtraggio in linea con quanto prevedono gli standard, mentre soltanto un’azienda al momento è stata autorizzata anche alla commercializzazione, ha riferito Brusaferro. “Si sta valutando il modo in cui dovranno essere utilizzate le mascherine nella fase 2 del contenimento, ma le decisioni dipenderanno dalle informazioni relative alle via di trasmissione e dalla situazione relativa alla circolazione del virus nella popolazione”, ha aggiunto.

Sono otto gli studi sui farmaci anti-Covid-19 al momento approvati dall’Agenzia italiana per il farmaco, ha invece dichiarato il presidente del Consiglio Superiore di Sanità (Css) Franco Locatelli. I test sierologici vanno validati in modo metodologicamente rigoroso, ha poi aggiunto, spiegando che “con i test sierologici per la ricerca degli anticorpi nel sangue sarà possibile avere un quadro completo dell’epidemia in Italia”. Un quadro, ha specificato, che “sarà probabilmente diverso regione per regione”.

Leggi anche: Coronavirus, Borrelli: ‘A casa anche l’1 maggio e per molte settimane ancora’

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
I voli operati da MedSky saranno due a settimana, il sabato e il mercoledì
La strage di Capaci è "la cosa più importante, da dove nasce tutto", ha detto il boss
Sui social è unanime l'esaltazione per un'altra impresa a tinte giallorosse. Ma c'è anche chi non è pienamente soddisfatto...
Fuggi fuggi generale e un principio di rissa la tradizionale party di inizio anno organizzato fuori dalla scuola, non lontano dal Palazzo di Giustizia
La consegna del riconoscimento a Collevalenza nel Santuario della beata Madre Speranza di Gesù, durante il Convegno per l’Italia dei laici dell’Amore Misericordioso
Immediati i soccorsi che purtroppo non hanno potuto salvare il giovane. I funerali si terranno domani mattina
I giallorossi ribaltano il risultato nel finale della prima frazione ed espugnano Marassi. Decisiva la rete di Brignola
Non ha saputo mai fornire una spiegazione valida del suo gesto, indicando di non ricordare nulla
Al ristoratore non è rimasto altro da fare che andare dai carabinieri e denunciare il novello sposo per 'Insolvenza fraudolenta'
In un caso, una ragazza di soli 18 anni ha riportato ferite lacero-contuse che hanno richiesto il suo trasporto in ospedale tramite un’ambulanza
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved