Calabria7

Coronavirus, patto di solidarietà a Motta San Giovanni

Motta San Giovanni

Sono undici le attività commerciali e due le farmacie del territorio di Motta San Giovanni che hanno aderito al “Patto di solidarietà” proposto dal Comune.

Hanno così accettato di vendere generi alimentari e prodotti di prima necessità ritirando i buoni spesa che saranno riconosciuti ai cittadini a seguito dell’ordinanza della Protezione Civile n°685 del 29 marzo 2020. I titolari delle attività sono stati già contattati e hanno ricevuto le prime istruzioni per rendere più agile l’utilizzo dei buoni spesa da parte dei beneficiari e favorirne il successivo rimborso. I buoni spesa sono tutti numerati, timbrati a inchiostro e a secco, firmati dal sindaco con l’indicazione del beneficiario. Al momento dell’utilizzo del buono spesa l’esercente dovrà verificare l’identità del beneficiario, annullare il buono con il timbro aziendale e rilasciare all’utilizzatore uno scontrino non fiscale.

I buoni spesa annullati dovranno successivamente essere trasmessi al Comune di Motta San Giovanni e, contestualmente, dovrà essere emessa apposita fattura elettronica per l’importo corrispondente. L’ufficio politiche sociali sta lavorando senza sosta, esaminando le numerose richieste che sono state inviate dalle famiglie negli ultimi giorni. Già nelle prossime ore, se non si dovessero riscontrare anomalia nella documentazione, saranno distribuiti i primi buoni spesa. La quantificazione del valore dei buoni spesa e la relativa distribuzione sarà fatta privilegiando le fasce più deboli.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Vite al buio a Catanzaro, in giro per le vie della città (SERVIZIO TV)

Maurizio Santoro

La Cgil bacchetta la Commissione antimafia: “Dovevano ascoltare anche noi”

Damiana Riverso

Vibo, disinfettante prodotto da studenti donato ai vigili del fuoco

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content