Calabria7

Coronavirus, Sapia chiede la sospensione immediata dei vincoli del Piano di rientro

Piano di rientro

“Il governo Draghi sospenda immediatamente i vincoli del Piano di rientro dal disavanzo sanitario della Calabria. Diversamente è impossibile fronteggiare il Covid che avanza a grande velocità e garantire l’assistenza dovuta ai pazienti cronici e agli acuti”. Lo afferma in una nota il deputato di L’Alternativa C’è Francesco Sapia, che alla Camera siede in commissione Sanità.

“La situazione – prosegue il parlamentare – è già fin troppo grave, perché gli ospedali Hub e Spoke della regione sono in evidente affanno, hanno pesantissime carenze di personale, ferie in corso, lunghe liste di attesa e risapute difficoltà nella gestione secondo legge dei turni dei sanitari. Per questi motivi non c’è più tempo da perdere, non si può restare a guardare e – incalza il deputato di L’Alternativa C’è – urge un intervento tempestivo del governo, il quale sa benissimo che la sanità calabrese sconta anni di colpevole definanziamento, nascosto con furbe generalizzazioni sull’inquinamento criminale del sistema, che esiste ma non può più essere una scusa”.

“I posti Covid sul territorio sono già pieni”

«Inoltre il Governo sa perfettamente – tuona Sapia – che la Sanità calabrese sconta anche anni di voluto smantellamento degli ospedali pubblici, di tagli, di sacrifici, di disagi, di disservizi e di omissioni politiche; di disastri provocati dall’istituto del commissariamento, da una carenza cronica di medici, infermieri e Oss, reclutati con il contagocce in virtù di parametri tecnici che, come arcinoto ai ministri Roberto Speranza e Daniele Franco, nonché ai dirigenti ministeriali Andrea Urbani e Angela Adduce, con la pandemia in atto non hanno più alcuna ragione di esistere”.

“Raccolgo – rimarca il deputato di L’Alternativa C’è – il grido di allarme dei commissari dell’ospedale e dell’Asp di Reggio Calabria, Iole Fantozzi e Gianluigi Scaffidi, che a chiare lettere hanno chiesto, finora inascoltati, un aumento importante di personale, peraltro visto che i posti Covid disponibili sul territorio sono già pieni. Resterò sempre – conclude Sapia – al fianco dei commissari e dei primari delle aziende del Servizio sanitario calabrese. Ripresenterò un emendamento per sospendere i vincoli del Piano di rientro, l’anno scorso respinto con tutte le conseguenze che sappiamo e nel silenzio, nell’immobilismo imperdonabile della maggioranza di governo da cui mi dissociai per coscienza e coerenza”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Autonomia, Irto: “Produrrà una Babele istituzionale”

Matteo Brancati

Sanità, Pedà: “Entro il 2025 in Italia non ci saranno più medici”

manfredi

De Magistris lancia un appello per la Calabria: “Aspromonte sotto attacco, fate presto”

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content