Calabria7

Coronavirus, scuole chiuse: si valuta proroga oltre 15 marzo

coronavirus rt

Borrelli: 2.706 malati e 107 morti, 276 i guariti, aumento del 72,5%

Scuole e università chiuse in tutta Italia fino al 15 marzo: una decisione presa dal Governo seguendo la “linea della massima precauzione”, nonostante il Comitato tecnico scientifico avesse evidenziato dubbi sulla sua efficacia. E ancora: sospensione in tutto il paese, come per le zone rosse, di manifestazioni ed eventi “di qualsiasi natura” e “in qualsiasi luogo”; partite e competizioni sportive, compresa la serie A, a porte chiuse; sport di base che non si ferma ma solo a condizione che vengano rispettate le raccomandazioni dell’Istituto superiore di Sanità.

“E’ stata fatta una scelta di sospendere fino al 15 marzo” le scuole, “con la possibilità di riconsiderare e rimodulare la scelta in base a quello che sarà lo scenario epidemiologico che andremo a verificare giorno per giorno”, ha detto il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli in conferenza stampa non escludendo la possibilità di un allungamento della misura. “Potrebbe configurarsi questa eventualità” ha risposto infatti a chi gli chiedeva se fosse ipotizzabile un allungamento dei tempi.

Il parere del comitato tecnico-scientifico – ha sottolineato – “faceva riferimento a elementi di incertezza esistenti su quanto potrà andare ad impattare la sospensione dell’attività didattica in termini di contenimento e su quella che potrebbe essere la durata necessaria per poter ottenere una buona efficacia contro l’infezione” Lo dice il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli in conferenza stampa alla Protezione Civile. “Quanto poi è stato deciso in Cdm non differisce da queste considerazioni” ha aggiunto. Il governo vara – dunque – una nuova stretta per tentare di arginare la diffusione del coronavirus, con i malati che hanno ormai superato i 2.700 e l’intero Paese.

IL TESTO DEL DPCM

“A noi tutti, istituzioni e politica, dico: abbassiamo i toni, evitiamo colpi di testa e agiamo con la massima lealtà verso lo StatoDiamo un esempio di serietà anche all’estero, dimostriamo di essere un Paese forte e consapevole”, scrive in un post su Facebook sull’emergenza Coronavirus il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Anche in Valle D’Aosta, unica regione fino a ieri che non aveva contagiati, fa registrare i primi due probabili casi. A comunicarlo la Presidenza della regione che aggiunge che i tamponi sono stati inviati all’Istituto superiore di sanità per la conferma. Gli esami effettuati ieri su due pazienti presi in carico dal Servizio sanitario regionale sono risultati positivi. Le persone risultate positive manifestano sintomatologie lievi. I pazienti appartengono allo stesso nucleo familiare.

Hotel in isolamento nell’Imperiese – In isolamento l’hotel Paradiso di Diano Marina dove un turista di Brembate (Bergamo) è stato trovato positivo al Coronavirus. La persona contagiata fa parte di una comitiva di 48 perone. “Stiamo già organizzando con la macchina della Protezione Civile lo sgombero degli ospiti dell’albergo, che verranno riportati subito a Bergamo per la quarantena”, ha detto il governatore Giovanni Toti. Il personale dell’albergo farà la quarantena a casa.

A seguito delle decisioni del Governo in materia di contenimento e gestione dell’emergenza sanitaria, l’Ufficio Stampa del Quirinale comunica che la cerimonia dell’8 Marzo (Giornata Internazionale della Donna) e il Concerto alla Cappella Paolina del 15 marzo p.v. non avranno luogo.

L’OMS RACCOMANDA: ‘TUTTI FACCIANO I TEST SU CHI HA SINTOMI’ –  “Incoraggiamo i Paesi che vogliono sapere quanta parte della loro popolazione è stata contagiata con il Covid-19 a iniziare a fare i test sulle persone con sintomi”. E’ quanto afferma dall’Oms Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico del programma per le emergenze. “Siamo a otto settimane dall’inizio dell’epidemia e abbiamo già identificato il virus, abbiamo la sequenza genetica, la Pcr e il test sierologico. Questa mole di conoscenze non ha precedenti per una nuova malattia”.

L’unica buona notizia di ieri arriva dal numero dei guariti: sono 276, l’8,49% del totale dei contagiati ma soprattutto 116 in più rispetto a martedì, con un incremento del 72,5%.

“La decisione di chiudere le scuole non è stata semplice – conferma la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina – è stata una scelta d’impatto, spero che gli alunni tornino al più presto a scuola”. La titolare di viale Trastevere ha anche garantito che si farà di tutto per garantire i servizi scolastici a distanza e il governo è già al lavoro per mettere a punto una norma che prevede la possibilità per uno dei genitori di assentarsi dal lavoro per accudire i figli minorenni. Il motivo che ha spinto a sospendere l’attività didattica lo spiega invece il premier.

“In questo momento – sottolinea Conte – siamo concentrati ad adottare tutte le misure di contenimento diretto del virus o di ritardo della sua diffusione perché il sistema sanitario, per quanto efficiente e eccellente, rischia di andare in sovraccarico” in particolare “per la terapia intensiva e sub-intensiva”.

I dati aggiornati dicono che i morti sono arrivati a 107, il 3,47% del totale dei contagiati, e che ci sono 295 malati in terapia intensiva, 66 in più di ieri, pari al 28,8% in più. Ma è anche vero che sono poco più del 10% dei 2.706 malati totali. 1.346 sono invece i malati ricoverati con sintomi e 1.065 quelli in isolamento domiciliare. L’obiettivo del governo è dunque quello di evitare che aumentino in maniera esponenziale i ricoverati più gravi, mandando in crisi tutto il sistema.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Elezioni C.O.A Catanzaro, avvocato Giacobbe presenta candidatura

Matteo Brancati

Elettrificazione sulla Jonica: tra lavori, criticità e proposte

nico de luca

Checco Zalone: chiedo scusa ai calabresi, battuta terribile nel nuovo film

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content