Calabria7

Corruzione e abuso d’ufficio, l’ex presidente del Tribunale di Vibo indagato a Salerno

L’ex presidente del Tribunale di Vibo, Nicola Alberto Filardo, è indagato dalla Procura di Salerno (competente per i reati che riguardano i magistrati del distretto giudiziario di Catanzaro). Rivelazione di segreto d’ufficio, abuso d’ufficio, corruzione per esercizio della funzione e accesso abusivo al sistema informatico sono i reati contestati dall’ufficio di Procura oggi diretto dall’ex aggiunto della Dda di Catanzaro Giuseppe Borrelli. La notizia è emersa nel corso dell’udienza di ieri del maxi processo “Rinascita Scott” con l’eccezione di incompetenza territoriale sollevata dall’avvocato Francesco Sabatino, legale di Danilo Tripodi, il 40enne di Vibo, assistente giudiziario in servizio al Tribunale di Vibo e già stretto collaboratore di Filardo.

Tripodi, oltre a essere imputato in “Rinascita Scott” con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari, falsità materiale in atti pubblici, risulta indagato dalla Procura di Salerno in concorso proprio con l’ex presidente del Tribunale di Vibo, che oggi è in servizio alla Corte d’Appello di Catanzaro, per una serie di reati che sarebbero stati commessi tra il 2018 e il 2019. Da qui l’eccezione sollevata dall’avvocato Sabatino secondo il quale Tripodi dovrebbe essere giudicato dal Tribunale di Salerno e non da quello di Vibo, territorialmente non competente. Il collegio presieduto da Brigida Cavasino deciderà nelle prossime ore.

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Paura nel Vibonese, auto va a fuoco: pronto intervento dei VVF

Matteo Brancati

Tenta di freddare zio e cugino, arrestato 30enne nel Catanzarese

Mirko

Area Centrale Calabria: nessun nuovo caso positivo

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content