Cortale, i Carabinieri incontrano i cittadini di domani

Una giornata di incontro tra i Carabinieri e i cittadini del domani; questo lo spirito col quale lo scorso 20 febbraio i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Statale di Girifalco – Cortale nella sede cortalese hanno condiviso alcune ore di lezione con i militari dell’Arma, accogliendo con spigliatezza ed interesse l’iniziativa dei loro insegnanti. Gli alunni di terza e seconda media hanno fruito di un’ampia panoramica sulla storia e le tante competenze della Benemerita a cura del Comandante della Compagnia di Girifalco, capitano Felice Bucalo che ha aperto l’appuntamento.

Il maresciallo Nicodemo Spanò del Reparto Carabinieri Biodiversità di Catanzaro ha introdotto la figura del Carabiniere Forestale, le sue funzioni, i suoi Reparti, giungendo a scandagliare sentiti temi di educazione ambientale, rispetto della flora e della fauna con diretto riferimento alla natura calabrese, in Sila e nelle Serre. E’ stato riservato spazio alla proiezione di un video didattico sull’importanza del lupo nel bosco e la sua rivalutazione da temuto predatore ad elemento essenziale di un ecosistema.

Il maresciallo Nicodemo Spanò del Reparto Carabinieri Biodiversità di Catanzaro ha introdotto la figura del Carabiniere Forestale, le sue funzioni, i suoi Reparti, giungendo a scandagliare sentiti temi di educazione ambientale, rispetto della flora e della fauna con diretto riferimento alla natura calabrese, in Sila e nelle Serre. E’ stato riservato spazio alla proiezione di un video didattico sull’importanza del lupo nel bosco e la sua rivalutazione da temuto predatore ad elemento essenziale di un ecosistema.

L’incontro è poi proseguito sul merito di temi ulteriormente sensibili, attuali, sfidanti, come quelli della violenza dentro e fuori le aule scolastiche, del bullismo e del cyber – bullismo, ancora a cura del Comandante della Compagnia. Un tema “sfidante”, non a caso, perché affrontato a partire dalla presa d’atto della presenza ricorrente della violenza in film, serie tv, videogiochi, canzoni ben note ai giovanissimi, citando gli esiti degli studi pionieristici del norvegese Dan Olweus sul bullismo tra gli adolescenti, attingendo ad elementi delle scienze sociali, della psicologia giuridica, clinica e discipline affini, mettendo ordine nelle definizioni, nei ruoli tipici, nelle dinamiche cicliche delle aggressioni dei bulli. Frattanto la partecipazione dei ragazzi, le loro domande e la provocazione rivolta loro nell’interrogarsi innanzitutto sul loro quotidiano, con un aperto esame di coscienza. Infine l’auspicio, o meglio il metodo, di soluzioni “di rete” tra i singoli e le Istituzioni, la scuola, le famiglie, assumendo l’empatia come prima dote da sviluppare crescendo o da riscoprire una volta cresciuti.

L’iniziativa già positivamente intrapresa nelle aule del Liceo Scientifico e dell’I.T.T. dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “E. Majorana” di Girifalco, con due incontri sul tema del contrasto alla diffusione delle sostanze stupefacenti nelle giornate del 12 e del 13 febbraio, ha in questa occasione proficuamente raccolto una sinergia di contributi da parte dell’Arma territoriale e dei Carabinieri Forestali; sarà certamente riproposta in altre strutture scolastiche.

redazione calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L’associazione catanzarese Cam Gaia: “A fianco delle vittime… non siete sole. Abbiamo mezzi e strumenti per tutelarvi” 
L'uomo si è reso protagonista di numerosi atti vandalici e anche di una serie di aggressioni nei confronti di alcuni cittadini
A bordo del veicolo tre ragazzi, uno dei quali minorenni. Feriti i due poliziotti che hanno intimato l'alt al conducente
Un velista spagnolo disperso e due diportisti soccorsi da Guardia Costiera a Roccella Ionica e Crotone
Era stato rilasciato dal carcere di Vibo con l'obbligo di dimora ma aveva fatto perdere le proprie tracce
Si tratta dell'indagine della Procura di Vibo sui rifiuti smaltiti illecitamente nei terreni agricoli. Undici gli indagati
Il suo movimento “Sud chiama Nord” accanto al candidato a sindaco di Centro Francesco Muzzopappa
La Corte di assise di Catanzaro spiega, nel motivare la sentenza, le ragioni dell'esclusione dei futili motivi e della premeditazione
Entrambi erano finiti a processo dopo una denuncia presentata dalla minoranza nel 2020. Il Tribunale di Vibo: "Il fatto non sussiste"
Superficie di 10mila metri quadrati modificata in maniera permanente tramite terrazzamenti alti più di 20 metri
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved