Corte d’assise a Cosenza riprende il processo Bergamini: nuovo confronto tra periti sugli esiti autopsie

Isabella Internò fu accusata di omicidio volontario in concorso per la morte del calciatore nel 1989 a Roseto Capo Spulico

È ripreso in Corte d’assise a Cosenza, il processo a carico di Isabella Internò, accusata di omicidio volontario in concorso per la morte dell’ex fidanzato Donato “Denis” Bergamini, il calciatore del Cosenza morto il 18 novembre 1989 lungo la statale 106 a Roseto Capo Spulico. Al banco dei testimoni il professore Francesco Maria Avato che ha eseguito, a gennaio del 1990, la prima autopsia, su delega della Procura di Castrovillari dopo che erano emersi i primi dubbi sulla tesi del suicidio.

“Confermo la mia perizia dell’epoca – ha detto Avato – anche perché non ho elementi per modificare quanto scrissi. Quando ebbi l’incarico non mi fu data nessuna informazione sulla dinamica dell’incidente. A mio giudizio l’asfissia polmonare fu conseguente all’emorragia”.

Chiesto confronto tra i periti

Il pm Luca Primicerio ha chiesto un confronto tra i periti che hanno effettuato nel tempo le autopsie e i consulenti nominati dalle parti. La Corte ha ammesso il confronto tra gli esperti Francesco Avato, Vittorio Fineschi, Roberto Testi e Margherita Neri in merito ad alcune contraddizioni emerse nelle varie testimonianze sulla natura dell’asfissia evidenziata nelle autopsie del corpo di Bergamini.

La prima autopsia sul corpo del giocatore nato ad Argenta (Ferrara) fu fatta dopo 50 giorni dalla morte, la seconda a distanza di 27 anni. Tra i dubbi da chiarire la validità della glicoforina e le cause dell’asfissia evidenziata nelle autopsie. Per Avato il soffocamento è riconducibile “allo schiacciamento a seguito del sormontamento del camion, avvenuto quando Bergamini era ancora vivo, perché ci fu l’emorragia”. Per i consulenti Fineschi e Testi, invece, si tratta di “asfissia non compatibile con l’impatto ma avvenuta meccanicamente, secondo quanto dimostrano i dati morfologici”.

“Differenza generazionale marcata”

Secondo l’avvocato Fabio Anselmo, legale della parte civile, il confronto ha evidenziato “una differenza generazionale molto marcata tra i tempi in cui ha lavorato Avato, che aveva pochi elementi come detto da lui stesso, e i tempi in cui lavorano tutti gli altri. L’età biologica ha la sua valenza. Oggi la maggior parte dei casi italiani, quando c’è dubbio, vengono risolti con la glicoforina”. Il processo è stato poi aggiornato al 25 gennaio. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
È il caso di un uomo di 74 anni. Una Tac alla testa ha rivelato la presenza di un ago per l'agopuntura che stava causando un’emorragia cerebrale
Il Coruc, Comitato regionale universitario di coordinamento della Calabria, ha dato l'ok definitivo
Durante la notte i malviventi hanno sfondato la porta, ma è immediatamente scattato l'allarme
La 20enne era stata rapita dal padre e non riusciva a tornare in Italia, a casa della mamma, per le vie legali
L’ateneo di Reggio Calabria ha potenziato l’offerta formativa per il prossimo anno accademico 2024/2025 con le nuove triennali
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved